Home Attualità Villa Serena (CZ), intervento unico al mondo su una paziente di soli...

Villa Serena (CZ), intervento unico al mondo su una paziente di soli 14 anni. Ha riguardato la sostituzione totale dell’articolazione delle anche. Il dottor Luigi Promezio: ” Giornata importante che non ha precedenti”(clicca qui per leggere)

34

E’ di ieri la notizia che nella rinomata “Villa  Serena “ di Catanzaro è stato effettuato un intervento unico al mondo su una piccola paziente di soli 14 anni.

L’intervento chirurgico  è stato realizzato nella  struttura specializzata in Ortopedia pediatrica ed  ha riguardato   la sostituzione totale dell’articolazione delle ANCHE.  Affetta da una grave forma di Morbo di Still (Artrite idiopatica giovanile),  la giovanissima ragazza era stata sottoposta per anni in altre sedi a terapie con corticosteroidi, che hanno determinato una gravissima necrosi avascolare delle teste femorali bilateralmente e con conseguente impossibilità alla deambulazione.

Questa  l’ equipe dei sanitari   che ha  condotto lo  straordinario ed eccezionale intervento chirurgico  effettuato presso la struttura sanitaria di “eccellenza” di Catanzaro “Villa Serena for Children” che, in due sedute ha ottenuto un risultato senza dubbio storico:  Luigi Perri, Carlo Depace, Luca Marega e Luigi Promenzio; anestesia condotta da Antonio Giacomelli (referente presso “Villa Serena” della Rete Formativa della Scuola di Specializzazione in Anestesiologia e Rianimazione, dell’Umg, direttore Federico Longhini); Saverio Sinopoli, fisiatra; Pina Rotundo, strumentista.

“E una giornata importante perché- spiega il prof. Luigi  Promezio , responsabile Villa Serena For Children, Ortopedia Pediatrica di Catanzaro – abbiamo fatto un atto chirurgico che non ha raffronti omogenei in letteratura per gravità della patologia, per produzione ingegneristica e per una bambina sotto peso e con problemi staturali».
«C’è voluto un po’ di coraggio –  continua il dottor  Promenzio – ma abbiamo messo insieme grandi professionalità del territorio. Ci abbiamo creduto e anche con un po’ di incoscienza abbiamo raggiunto questo risultato. Ci tengo a precisare che di sostituzioni di protesi d’anca bilaterale per questa patologia nei bambini ci sono pochissimi casi al mondo, nessun riferimento per bambini sottopeso». Grazie a questo importantissimo e delicatissimo intervento, torna d’attualità il tema legato alla “buona sanità” calabrese. Questo di “Villa Serena” è a tutti gli effetti un vero esempio di eccellenza. Ne è convinto anche lo stesso Promenzio: «In Calabria si fa in più posti e in più branche buona sanità. Il dovere di tutti è tutelare gli sforzi di chi li fa. Il Covid ha esasperato tutto, ha aumentato la precarietà rispetto alla patologia. La prima protesi però l’abbiamo impiantata ad agosto, quando ancora non esistevano i vaccini, con una scelta doppia che fa onore alla proprietà e alla direzione sanitaria».  Infine, un messaggio per la piccola paziente: «Le auguriamo che possa correre così come le speranze di questa terra e i giovani calabresi a cui auguriamo il meglio».

Agli auguri formulati dal responsabile For Children, Ortopedia Pediatrica, dott.  Luigi Promezio,  rinomato e straordinario  professinista sanitario,  si unisce la redazione dell’ Eco della Valle , ringraziando  l’intera equipe per aver offerto a tutti Noi  operatori dell’informazione di scrivere e raccontare una storia diversa, che fa onore alla sanità dell’intero Paese e alla  Calabria.    Fatti del genere  rendono fieri tutti i calabresi perché  evidenziano che nella nostra regione esiste una sanità diversa da quella ,  sovente descritta dai media nazionali, fatta di professionisti  eccellenti che nel silenzio,  con grande senso di responsabilità operano e prestano servizio con alto senso del dovere. Grazie.

(francogarofalo1@gmail.com)