Home Attualità Storia in atto: La Futura Fusione dei Comuni a Piano Lago Trasformerà...

Storia in atto: La Futura Fusione dei Comuni a Piano Lago Trasformerà gli Amministratori Locali in Pionieri del Progresso

56

Le Fusioni dei Comuni nel territorio di Piano Lago, attraversato dall’autostrada Mediterranea, diventato un punto di riferimento per gli investimenti produttivi, rappresentano un passo importante verso lo sviluppo sostenibile e l’ottimizzazione delle risorse. Durante il recente convegno tenutosi a Santo Stefano di Rogliano sul tema “Comuni del futuro. Partecipazione, trasparenza, comunicazione e Fusione”, sono state evidenziate le peculiari caratteristiche del territorio di Piano Lago, che si trova a pochi chilometri dalla città di Cosenza, dalla Sila, dal mare, dall’aeroporto e dalle università e l’importanza economica e sociale che assume la proposta di Fusione dei Comuni che  hanno competenza sul territorio di Piano Lago e  istituzione di un nuovo Comune quale risultato di un percorso culturale  proposto e curato  da intelligenze diverse, plurali e avanzate.

Durante l’evento, promosso dal Gruppo Officina della politica Savuto”,  è stata  ampiamente sottolineata l’importanza  del progetto e del ruolo che saranno chiamati a svolgere i futuri amministratori per  armonizzare gli investimenti, ridurre le spese e migliorare la gestione dei servizi. La fusione dei comuni in questa zona permetterebbe di superare i confini attuali e di pensare in grande, aprendo nuovi orizzonti e adattandosi alle sfide emergenti.

La fusione dei comuni in un’area geografica come Piano Lago consentirebbe di raggiungere economie di scala significative. Unendo le risorse e le competenze dei vari comuni, si potrebbero ottimizzare gli investimenti, migliorare l’efficienza dei servizi pubblici e favorire lo sviluppo economico. Inoltre, una gestione unificata del territorio permetterebbe di affrontare in maniera più efficace le questioni legate all’urbanizzazione, alla pianificazione del territorio e alla tutela dell’ambiente.

Un altro punto cruciale emerso durante il convegno è stato l’importanza di aprirsi al nuovo e di adattarsi ai cambiamenti in corso. Il mondo sta evolvendo rapidamente e i comuni devono essere pronti a cogliere le opportunità che si presentano. La fusione dei comuni rappresenta un modo per creare una visione comune per il futuro e per lavorare insieme verso obiettivi condivisi. A tal proposito importanti sono stati i contributi offerti alla discussione degli ex sindaci di Casale del Manco, Nuccio Martire e del Comune di Rossano Corigliano, Stefano Mascaro, i quali hanno  ripercorso le fasi salienti che hanno caratterizzato la Fusione dei Comuni offrendo ai partecipanti validi e costruttivi elementi di riflessione  al tema proposto.

È importante sottolineare che la fusione dei comuni non significa  perdere le identità locali o le peculiarità di ciascuna comunità. Al contrario- è stato più volte ribadito-  favorirebbe una maggiore collaborazione tra i comuni coinvolti, consentendo loro di preservare e valorizzare le loro tradizioni e le caratteristiche culturali specifiche, mentre si uniscono per affrontare sfide comuni.

In conclusione, la fusione dei comuni nel territorio di Piano Lago rappresenta un’opportunità per pensare in modo più ampio, per superare i confini ( già superati dai processi di urbanizzazione attuati) e per aprire nuovi orizzonti. Questo approccio favorirebbe lo sviluppo sostenibile, l’efficienza amministrativa e l’attrazione di investimenti produttivi. È importante che gli amministratori locali continuino a collaborare e a promuovere il dialogo per realizzare con successo questa visione di unione e crescita. A tal proposito i rappresentanti del gruppo Officina Savuto fanno sapere che in questi giorni intraprenderanno altre iniziative per sensibilizzare tutti a lavorare per  la Fusione dei Comuni, aprendo nuove prospettive  di sviluppo e di crescita per tutte le comunità locali.