Home Attualità Sila, i benefici delle sue virtù per lo spirito e la...

Sila, i benefici delle sue virtù per lo spirito e la mente di Franco Garofalo

19
  • Settembre è un mese straordinariamente affascinante per chi ama immergersi nell’ incantevole  complesso naturalistico    e paesaggistico  della Sila.

Per gli amanti dei luoghi ancora incontaminati,    le perle da gustare in Sila, non si contano, si colgono e  brillano  nelle distese    dei colori, dei lineamenti architettonici, scolpiti  nei suoi  variopinti e spettacolari rilievi della superficie terrestre. Le  piatte e gelide acque dei laghi, fanno da specchio alle incantevoli montagne, riproducendo un quadro poetico che  induce  serenità nell’anima e nello spirito dell’ignaro osservatore.

In ogni ora della quotidianità, le vie dei sensi hanno il privilegio di veicolare alla mente, colori, aromi e spettacoli che azionano sani   meccanismi energetici, agendo e incentivando benessere fisico e mentale.

L’uomo, immerso e coinvolto in questo incantevole habitat abbandona i suoi egoismi, le sue frenetiche  attività quotidiane,    diventando   un tutt’uno con l’ambiente circostante. Deliziosamente    cullato dal soffio del  vento e dalle voci del silenzio,  l’uomo ritorna  infantile, diviene   natura privo di cultura, cattura immagini senza pensiero. Egli  vive, inspira e espira  il presente dell’universo, spezza le catene del tempo e  lasciandosi    vestire  dagli abiti della  divina natura inizia a imboccare la strada  di liberazione dalla coercizione prodotta dai frenetici ritmi della cosiddetta società civile.

In Sila, il pensiero rallenta e  il fisico si rilassa; l’aria salubre attraversando   lo spirito spazzerà via  le tossine dell’anima, accumulate dalla vita convulsa e sovente indiavolata   imposta dall’era moderna.

Una pace soave ammansisce ogni animo eversivo e la calma indotta dal cinguettio degli uccelli, dal gorgheggiare dei ruscelli,  dal fruscio delle foglie, dall’aroma dei maestosi pini e faggi, assopisce le paure e distende le membra.

La magia dei luoghi sorride al passante e sulle sinfonie dei suoni naturali, alla luce del sole si possono osservare gli scoiattoli saltare, gli uccelli volare, le farfalle svolazzare mentre la  Poiana,   eseguendo il “volo  a Spirito Santo”, insegna che ciascuno di noi possiede un paio di ali per gustare il cielo restando per terra.

E poi c’è Lui, il Re dell’altopiano silano, protagonista di infiniti racconti, simbolo del Parco della Sila, esemplare in via di estinzione nonché protagonista di un omonimo film del 1949, girato sulla montagna calabrese, con Amedeo Nazzari, Vittorio Gassman e Silvana Mangano. Un mito quello del lupo che non  tramonterà mai . Continuerà a vivere ed essere percepito con sensibilità ambientali diverse grazie all’apporto culturale portato avanti dalle associazioni ambientaliste  che sono riuscite ad ottenere, da parte delle istituzioni, il divieto di caccia e la proclamazione del titolo di “specie protetta”. Il Re dell’altopiano è salvo e qualche esemplare si può osservare  nella riserva naturale di Cupone, vero tesoro di Calabria.

La Sila, entrata nell’immaginario collettivo per i suoi maestosi boschi, per  i suoi giganteschi alberi, per i suoi laghi, per i suoi percorsi ciclo-turistici, per le escursioni a cavallo, per lo sci di fondo e discesa, per i suoi caratteristici villaggi , per le tradizionali sagre del fungo , della salsiccia e della rinomata e famosa patata silana e poi, ancora,   la ciliegina sulla torta, per la Sua migliore aria d’Europa e forse del pianeta.

Proprio la sila, territorio ospitante meravigliosi polmoni alimentati dai giganti calabresi,  omaggia il visitatore del  migliore  bene di prima necessità  individuato nell’ aria.

Il dato è scientifico ed emerge dalle ricerche  di Stefano Montanari, direttore del Laboratorio Nanodisgnostica di Modena e Antonietta Gatti, esperta di Nanopatologie.

Non è un fatto di poco conto, come scritto tempo addietro in un comunicato del Parco della Sila- se si considera che le analisi hanno rilevato che l’aria  è addirittura più pulita di quella delle isole Svalbard, vicino al polo Nord .

L’ARIA, QUINDI, Più PULITA SI RESPIRA IN SILA,  in questi centocinquatntamila ettari di ricchezze naturali uniche nel loro genere che si estendono  in Calabria tra le province di Cosenza, Crotone e Catanzaro.  Si tratta di un magico  TESORO DI CUI LA NOSTRA Calabria  può  andare orgogliosa, insieme alle tante virtù  che vanno gelosamente custodite, promosse con intelligenza e talento in difesa della salute e della bellezza( Franco Garofalo)