Home Attualità Si celebra oggi, lunedì 12 giugno 2023, la Giornata mondiale contro lo...

Si celebra oggi, lunedì 12 giugno 2023, la Giornata mondiale contro lo sfruttamento del lavoro minorile

45

La creazione della giornata è stata promossa nel 2002 dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (OIL), la quale ha fatto dell’eliminazione del lavoro minorile uno degli obiettivi principali sin dalla sua fondazione nel 1919.

La Giornata Mondiale contro il Lavoro Minorile viene celebrata il 12 giugno di ogni anno. È stata istituita dall’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica e mobilitare gli sforzi per combattere il lavoro minorile a livello globale.Le finalità principali di questa  ricorrenza sono sono diversi e mirano a porre l’attenzione sul problema del lavoro minorile, evidenziando le sue conseguenze negative per i bambini e per la società nel suo complesso; promuovere l’adozione di misure efficaci per eliminare il lavoro minorile in tutte le sue forme; sostenere e rafforzare i programmi e le politiche di prevenzione e protezione dei bambini sottoposti allo sfruttamento lavorativo; rendere conto dei progressi compiuti e delle sfide ancora presenti nella lotta contro il lavoro minorile. Secondo le stime dell’ILO, nel 2020 c’erano ancora circa 152 milioni di bambini nel mondo coinvolti nel lavoro minorile, di cui oltre la metà (72,1 milioni) impegnati in lavori pericolosi.  Tutto ciò mette  a rischio la loro salute, sicurezza e sviluppo.

Per quanto concerne il nostro Paese,   la situazione del lavoro minorile è oggetto di un costante monitoraggio e di un impegno da parte delle istituzioni e delle organizzazioni per combattere questa problematica. Secondo i dati forniti dal Ministero del Lavoro italiano, nel 2020 c’erano circa 64.000 minori tra i 15 e i 17 anni impiegati nel mercato del lavoro italiano. È importante sottolineare che l’Italia ha adottato normative e misure specifiche per contrastare il lavoro minorile promuovendo l’attuazione di politiche di protezione dei minori.

Tuttavia, nonostante gli sforzi compiuti, il lavoro minorile rimane ancora una sfida significativa, sia a livello globale che in diversi paesi, compreso l’Italia. È necessario continuare a promuovere politiche e azioni concrete per garantire i diritti dei bambini e porre fine a questa forma di sfruttamento.

 Cosa si intende per lavoro minorile?Il lavoro minorile è definito come l’attività lavorativa che priva i bambini e le bambine della loro infanzia, della loro dignità e influisce negativamente sul loro sviluppo psico-fisico. Esso comprende varie forme di sfruttamento e abuso spesso causate da condizioni di estrema povertà, dalla mancata possibilità di istruzione, da situazioni economiche e politiche in cui i diritti dei bambini e delle bambine non vengono rispettati, a vantaggio dei profitti e dei guadagni degli adulti.   Negli ultimo ventennio si sono registrati significativi progressi in materia ma gli ultimi anni – complici la pandemia, i conflitti, le crisi economiche, etc. – hanno invertito la tendenza, spingendo molte famiglie in condizioni di povertà e costretto nuovamente milioni di minori a lavorare. Attualmente si stima siano 160 milioni i bambini costretti a lavorare, ossia uno su dieci: 72 milioni di loro si trovano in Africa, 62 milioni in Asia e nel Pacifico. Secondo le ultime stime dell’ILO , sono ancora 152 milioni i bambini e adolescenti — 64 milioni sono bambine e 88 milioni sono bambini — vittime di lavoro minorile. Metà di essi, 73 milioni, sono costretti in attività di lavoro pericolose che mettono a rischio la salute, la sicurezza e il loro sviluppo morale. Molti di loro vivono in contesti colpiti da guerre e da disastri naturali nei quali lottano per sopravvivere, rovistando nelle macerie o lavorando per strada. Altri vengono reclutati come bambini soldato per combattere nelle guerre volute dagli adulti. La realtà che questi dati ci descrivono è inaccettabile.

Per approfondire: la giornata sul portale delle Nazioni Unite– https://www.ilo.org/rome/approfondimenti/WCMS_578887/lang–it/index.htm