Home Attualità S. Stefano di Rogliano: Mario Salerno interpella la Sindaca e l’assessore al...

S. Stefano di Rogliano: Mario Salerno interpella la Sindaca e l’assessore al ramo “recepire la proposta di aggiornare lo Statuto comunale e il regolamento” che contengono norme superate dalla legge, dalla tecnologia e dalla storia

29

 

Mario Salerno, consiglire comunale

” Adeguare  le norme  contemplate nello Statuto comunale e nel regolamento dei lavori consiliari, alle moderne istanze che provengono dalla comunità civile,  dalla tecnologia, dalla scienza e dalla politica, intesa come arte del buon governo”.  Mario Salerno, consigliere comunale di  minoranza del Comune di Santo Stefano di  Rogliano,   ha  presentato un’interpellanza, da discutere al prossimo consiglio ,   in cui giustifica elenca i motivi che stanno alla base della proposta  contenuta nella stessa interpellanza.   In  premessa cita  le  anacronisiche norme ancora contenute sia nello statuto che nel regolamento. Nel tempo- sostiene l’esponente di ” Comune in Comune” si sono stratificate diverse norme,  acquisiti  pareri e registrato fatti  che hanno superato diversi articolati, rendendoli anacronistici e non puù adeguati alle nuove esigenze   sociali. Esistono, ancora, afferma il consigliere Mario Salerno articolati,  dettati che non sono più  connessi con la realtà politico- istituzionale,  con le moderne istanze che provengono dalla  comunità locale. L’esponente politico  taglia  corto e sintetizza: visto che gli strumenti normativi  ai quali si fa riferimento risalgono a periodi  storici  superati dalla nuova tecnologia, dai processi sociali e culturali che si sono registrati in questi ultimi decenni, nonché dalle normative, pareri e visioni amministrative  diverse, è urgente e necessario  procedere ad una revisione generale dei due testi che regolano la vita  gestionale dell’ente locale. Lo Statuto comunale  risulta datata 28 luglio 2000 ed  in questi ventidue anni dalla sua entrata in vigore sono avvenute delle vere e proprie rivoluzioni sul piano delle conoscenze e delle innovazioni: non tenerne conto di queste innovazioni  significa esporre l’istituzione ad una vulnerabilità oggettiva  che sovente sfocia a polemiche su tesi e interpretazioni poco edificanti per gli stessi  organismi rappresentati. L’esempio eclatante proviene dalle dirette facebook effettuate dal gruppo di minoranza nel corso delle sedute consiliari  e avversate dalla maggioranza .  Il consigliere Salerno, nell’interpellanza acquisita al protocollo dell’ente nei giorni scorsi, rileva  come lo Statuto comunale all’art. 25 contenga ancora la noma secondo la quale la giunta dovrebbe essere composta da quattro assessore di cui uno nominato dal Sindaco.

Considerato che il Comune ha una autonomia normativa, organizzativa e finanziaria e che lo stesso ente svolge funzioni anche attraverso l’attività e la collaborazione dei cittadini e delle loro forme di aggregazione sociale, favorendo la più ampia partecipazione  della popolazione alle scelte amministrative ; visto che gli strumenti normativi  ai quali si fa riferimento risalgono a periodi  storici  superati dalla nuova tecnologia, dai processi sociali e culturali che si sono registrati in questi ultimi decenni, nonché dalle normative, pareri e visioni amministrative  diverse;

tutto ciò premesso,  il consigliere comunale Mario Salerno,   interpella  la Sindaca a recepire  la proposta di aggiornare, modificare e integrare, sia lo Statuto che il regolamento  dei lavori del Consiglio comunale, ritenuti in parte superati dalla normativa vigente nazionale nonché dal buon senso.

Se non sia il caso- aggiunge infine salerno-  di costituire una Commissione consiliare alla quale affidare il compito di adeguare le norme alle nuove e moderne istanze che provengono dalla comunità civile,  dalla tecnologia, dalla scienza e dalla politica, intesa come arte del buon governo.