Home Attualità Dieci metri di circonferenza. Albero secolare a Santo Stefano di...

Dieci metri di circonferenza. Albero secolare a Santo Stefano di Rogliano (CS) ( clicca qui per continuare a leggere)

43

Dieci metri di circonferenza 

Albero  secolare a Santo Stefano di Rogliano (CS)

La Natura dispensa e dona  da sempre  spettacoli  avvincenti ed emozionanti. Non sempre, comunque,  gli abitanti dei luoghi  conoscono a fondo  le opere ed i monumenti ornamentali che si nascondono nei territori.

Solo  chi ha vissuto la giovinezza nel cuore della natura, comprende bene  la magnificenza che  essa esprime anche quando nel suo seno  sviluppa robusti rovi, a prima vista impenetrabili  per gli  esseri umani.

Per chi ha vissuto a lungo  gli ambienti  naturali, compresi nel perimetro della contrada di montagna della Mauritana, nel Comune di Santo Stefano di Rogliano (CS)  anche i rovi e gli arbusti,  non  rappresentano una minaccia. L’uomo riesce a dominarli e avvalendosi delle tecniche  proprie della cultura rurale, si fa strada raggiungendo l’obiettivo: liberare  il fusto del secolare albero dai rovi per poterne  ammirare tutta la sua maestosa e rasserenante bellezza.

 

Con l’aiuto di una falce e la scaltrezza tipica di chi conosce bene la vegetazione della montagna , arriva a destinazione.  Avvalendosi di una fune e di una rotella metrica ricava la misura  della  circonferenza del fusto della  secolare pianta di castagno. Il verdetto al quale giunge il “figlio di questa terra”  è clamoroso:  il fusto dell’albero che  ancora si erge  nella zona denominata “Serra di cola “,   ha una circonferenza di più di dieci metri. Un gigante vero della natura  al quale fanno compagnia altri esemplari secolari  di ridotte dimensioni ma pur sempre affascinanti, per la potenza che il castagneto esprime.

E’ vero, non esiste luogo naturale in cui non si possa cogliere la rasserenante bellezza. Basta sapersi   guardare intorno per coglierne la magia e le sfumature. Grazie a chi è riuscito a svelare questa ricchezza che  madre natura da secoli   custodisce , tra colori, luci e  misteri. Lasciamo nella sua rasserenante quiete il “gigante buono” che.pur  “minato nel fisico”,  suggerisce rispetto e gratitudine.

francogarofalo1@gmail.com