Home Attualità Santo Stefano di Rogliano, cittadinanza onoraria al capitano dei Carabinieri, Mattia...

Santo Stefano di Rogliano, cittadinanza onoraria al capitano dei Carabinieri, Mattia Bologna. Menzione D’onore al Maresciallo Maggiore aiutante, Radames Le Pera

36
lhttps://fb.watch/entIvTGVen/
https://fb.watch/entTPIeZ0v/
  • Il  Consiglio comunale di Santo Stefano di Rogliano, riunitosi in seduta straordinaria  ha conferito  la  cittadinanza onoraria al capitano dei Carabinieri, Mattia Bologna. Nella medesima seduta, il civico consesso ha proceduto ad assegnare al Maresciallo Maggiore aiutante, Radames Le Pera una Menzione d’onore. Le motivazioni che sostengono  i riconoscimenti assegnati ai due  rappresentanti delle Forze dell’ordine sono contenute nei rispettivi atti deliberativi adottati nelcorso della seduta consiliare, svoltasi presso il salone delle adunanze, presenti rappresentanti istituzionali locali, delle associazioni e delle forze dell’ordine. In apertura dei lavori, la sindaca, Lucia Nicoletti,  ha sottolineato  l’importante ed efficace ruolo svolto, durante la pandemia,     dalla Compagnia dei carabinieri  rappresentata  proprio dal capitano Bologna, oggi in servizio in altra sede.  La sindaca ha  letto in consiglio comunale il curriculum del Capitano,  Bologna  da cui emergono – è stato sottolineato – i meriti professionali del rappresentante della benemerita. Il capitano Bologna, intervenendo ha ringraziato tutti i  rappresentanti delle istituzioni,  il Comune di Santo Stefano di Rogliano per il riconoscimento  conferito e quanti hanno collaborato con le forze dell’ordine  nel periodo della Pandemia per alleviare paure e disagi tra la popolazione che- ricordiamo ha  vissuto i problemi della zona Rossa, dichiarata tale con provvedimento assunto dall’allora Presidente della Giunta Regionale, On. Jole Santelli. Il Consiglio comunale ha proceduto, inoltre, ad attribuire al Maresciallo Maggiore Aiutante, Radames Le Pera, classe 1932, nato a santo Stefano di Rogliano, una Menzione d’onore. Le motivazioni contenute nell’atto deliberativo evidenziano le grandi doti professionali, lavorative e morali espresse  dal Maresciallo Le Pera nel suo lungo e onorato servizio  prestato nella benemerita. Il consigliere comunale, Franco Garofalo, già sindaco del Comune di Santo Stefano di Rogliano, nel suo appassionato intervento, ha inteso sottolineare, oltre agli indiscussi meriti professionali conservati dal Maresciallo Le Pera,  il profondo legame  mantenuto con il proprio paese natio,  rispettando  quella “santostefanesità”, quel bagaglio valoriale e di puri sentimenti   ricevuti dalla famiglia, espressione e simbolo della sana imprenditoria, del talento e dell’estro. All’apertura dei lavori, il consigliere Franco  Garofalo ha tenuto ad evidenziare l’assenza all’ordine del giorno della proposta avanzata, da tempo,  dal gruppo consiliare di minoranza  ” Comune in Comune” di  intitolare ai caduti per Covid e a quanti non hanno potuto fruire di un dignitoso funerale e di una  adeguata sepoltura,    il viale principale del Cimitero  del luogo. L’esponente della minoranza ha lamentato, inoltre, all’inizio il lavori,  il mancato recapito dell’avviso di convocazione del Consiglio comunale, una grave inadempienza da parte dell’amministrazione comunale che ha indotto la stessa amministrazione comunale a chiedere scusa del disguiso registrato, causato – è stato detto-  da “fattori tecnici”.  E’ intervenuto, tra gli altri, anche il primo cittadino di Mangone, Orazio  Berardi il quale ha evidenziato l’importanza che rivestono simili riconoscimenti  per la comunità.
 
Nel corso della seduta sono intervenuti,  il Vice Sindaco Giovanni Benincasa, l’assessore  Santo Orrico e il consigliere Antonio  Ungaro.  
I lavori della seduta, come di consueto sono stati ripresi dal gruppo consiliare di minoranza e trasmessi sulla pagina fb ” Comune in Comune”