Home Attualità Rogliano, Inaugurata la Mostra Itinerante “ Alterniamoci per ricostruire, da Fattori a…”

Rogliano, Inaugurata la Mostra Itinerante “ Alterniamoci per ricostruire, da Fattori a…”

42

Le opere esposte conservano grande valore artistico, ma soprattutto un profondo significato solidale perché provenienti dal Museo di Preta frazione di Amatrice, comune colpito dal terremoto nella notte tra il 23 e 24 agosto del 2016. La mostra “Alterniamoci per ricostruire, da Fattori a…”, comprende opere realizzate da Carlo Levi, Pablo Picasso, Giovanni Fattori ed altri illustri protagonisti dell’arte pittorica e presenta un duplice scopo: promuovere l’arte e nel contempo diffondere la cultura della solidarietà all’interno della scuola e del territorio. Il nobile significato attribuito all’iniziativa viene illustrato, alla presenza di un folto pubblico, dalla dirigente scolastica, professoressa Maria Rosa De Rosa durante l’intervento di apertura dei lavori che hanno preceduto l’inaugurazione della mostra itinerante, ospitata da ieri presso la Casa delle Culture a Rogliano: tutte le donazioni volontarie elargite dai visitatori saranno, infatti, destinate all’Associazione “ Preta Vive” per il recupero del Museo, danneggiato fortemente dal sisma.
Sul valore racchiuso nell’iniziativa si sono soffermati il collaboratore del dirigente scolastico, prof. Sergio Vizza che ha ringraziato quanti hanno contribuito alla realizzazione dell’iniziativa. In modo particolare la prof.ssa Roberta Sicolo, l’arch. Franco Ranaldi tutor dell’alternanza scuola-lavoro del Liceo Julia di Acri (che ha precedentemete ospitato la mostra), il dott Massimo Garofalo, direttore del dipartimento didattico, i ragazzi Quelli del Maca del Liceo Classico e Scientifico V. Julia di Acri, l’architetto e artista Bruno Foglia. La Tutor del progetto, professoressa Cinzia Paola Colacino ha approfondito le fasi e le modalità progettuali dell’iniziativa, sottolineando il valore artistico dei 43 quadri esposti, mentre l’assessore con delega all’ambiente del Comune di Rogliano, dott. Francesco Altomare, a nome anche dell’amministrazione comunale ha espresso sinceri apprezzamenti per l’iniziativa. Le opere esposte sono state illustrate- si legge nel comunicato stampa – dagli alunni Andrea Pio Spina, Pasquale Aragona, Gianluigi Mancuso, Ludovica Miniaci e Maria Gallo. Le illustrazioni delle opere, inoltre, sono state intervallate da intermezzi musicali a cura degli studenti Vittorio Merenda, Giuseppe Scalzo, Chiara Carpino, Adalgisa Stumpo, Angelica Perri, Ulisse Tucci e Nicolò Marsico. La consulenza tecnologica e multimediale è stata affidata allo studente Francesco Aurelio Pironti.
Gli allievi dell’istituto Guarasci-Marconi hanno operato all’interno del progetto alternanza scuola-lavoro che impone alla fine del triennio il compimento di una o più attività per un totale di 200 ore. Lo stesso progetto – continua il comunicato stampa- avviato già nel corso dell’anno scolastico 2015/2016, intende promuovere una maggiore conoscenza ed una maggiore competenza nell’ambito storico-artistico-architettonico. Dopo un inizio presso il laboratorio Keramos di Telemaco Tucci, quest’anno le attività hanno visto il coinvolgimento e la collaborazione tra scuola e territorio nonché la partecipazione dell’amministrazione comunale, con la quale è stata stipulata un’apposita convenzione. Analogamente, alle attività progettuali hanno collaborato l’Associazione Club Unesco di Cosenza e l’amministrazione della Valle dei Templi di Agrigento, con lo svolgimento di un campo di lavoro (simulazione scavi) presso i siti archeologici di Segesta, Selinunte, Eraclea Minoa ed Agrigento.
Le opere della mostra itinerante sfoggiano tutta la loro bellezza di forme e colori nell’affascinante cornice della Casa delle culture a Rogliano e sarà fruibile, per le scuole dalle 10:00 alle 13:00 e per i visitatori dalle 15:00 alle 19:00 di ogni giorno fino al 12 giugno 2017.