Home Attualità Rifiuti urbani, la minoranza chiede la convocazione del Consiglio...

Rifiuti urbani, la minoranza chiede la convocazione del Consiglio comunale

19
Ida Paola Cerenzia ( a destra) e Simona Mancuso
Sede ex ” Comunità Montana Savuto”

Il gruppo consiliare di minoranza ” Comune in Comune” , avvalendosi delle norme statutarie e regolamentari,  ha richiesto  la convocazione straordinaria  del consiglio comunale per  esaminare le criticità legate alla raccolta, al  trasporto e allo  smaltimento dei rifiuti.  Nella richiesta, sottoscritta dai consiglieri, Ida Paola Cerenzia ( capogruppo), Simona Mancuso e Franco Garofalo è stato esplicitato  l’elenco degli argomenti  che  hanno già  trovato collocazione nell’ordine del giorno del consiglio, predisposto  per il consiglio comunale, programmato per giovedì 13 febbraio 2020, alle ore 15 nei locali dell’Azienda Calabria Verde  ex sede della Comunità Montana del  “Savuto”. Al primo punto  è stata  inserita la “criticità” legata  allo smaltimento dei rifiuti e alla mancata raccolta a domicilio degli ingombranti e sfalci. A seguire la discussione sul “Centro di raccolta a supporto della raccolta differenziata Comune di Belsito”, realizzato in forma associata. Al riguardo la minoranza chiederà  delucidazioni  sul perchè la Sindaca e l’assessore al ramo non abbiano  sottoposto al Consiglio comunale l’approvazione della Convenzione con il Comune di  Belsito, acquisita regolarmente al protocollo dell’ente prima che venisse convocato il precedente Consiglio comunale. la convenzione predisposta dal Comune di Belsito nel corso di una riunione all’uopo convocata ( assente il rappresentante del Comune di S. Stefano),   detta le norme sulla gestione dell’ ” Isola ecologica” realizzata, in forma consortile, tanti anni orsono, sul territorio comunale di Belsito. L’isola ecologica avrebbe dovuto   far fronte alle emergenze rifiuti,   ma  il Comune non avrebbe mai utilizzato questo  centro di raccolta nelle emrgenze presentate nel corso degli anni , pur essendo S. stefano  uno degli  enti che ha contribuito ad ottenere i finanziamenti necessari per rendere operativo il  servizio. Il progetto -ricorda il gruppo consiliare di ” Comune in Comune”, curato dall’allora Comunità Montana del savuto,  fu  redatto in forma ssociata dai Comuni, per  rispondere alle urgenze determinate sul versante dello smaltimento dei rifiuti urbani.

Il Consiglio comunale sarà chiamato, inoltre, ad approvare i verbali della seduta precedente. All’ordine del giorno figura ancora l’interrogazione concernente gli incarichi affidati ai Consiglieri comunali da parte della sindaca, contestati  dalla minoranza perchè ritenuti illegittimi e in contrasto con  il parere espresso dal Ministero degli Interni, notificato al Comune tramite la Prefettura di Cosenza.( La redazione)