Home Attualità Quando io morirò, tu portami il caffè, e vedrai che io resuscito...

Quando io morirò, tu portami il caffè, e vedrai che io resuscito come Lazzaro. (Peppino De Filippo). Il caffè, un rito ma non solo!

42

Che   lo prendiate  amaro, zuccherato, macchiato, lungo, ristretto,  il caffè è sempre il carburante  che consente di avviare   la giornata con il piede giusto, di  svegliarsi con energia e positività. Insomma è veramente difficile fare a meno di questa bevanda: oltre 8 italiani su 10( 82%) , ammettono che per battere la stanchezza e lo stress bevono abitualmente una tazza di caffè ogni mattina.  Un rito amato e diffuso che interessa ogni fascia sociale, nessuna esclusa.  Al di là delle note proprietà benefiche, per 9 italiani su 10  sarebbe sufficiente  una tazza di caffè appena svegli per ritrovare positività e buonumore. Una tazzina di caffè, insomma,  è ritenuta un vero  antidoto giornaliero di fronte  alle difficoltà del risveglio. 
Il caffè, si sa,   contribuisce a   migliorare  le performance,  agisce sull’umore, aumenterebbe il metabolismo basale, ovvero aiuterebbe a consumare più energia, migliorerebbe le prestazioni fisiche e ridurrebbe il rischio di diabete 2, tumori e malattie cardiovascolari. Preverrebbe, perfino, l’Alzheimer e il Parkinson. Ma oltre agli effetti collegati alla sostanza, esiste un effetto legato al rituale che se consumato in compagnia regala altri benefici, senso di familiarità, di benessere. Contribuisce a evadere dal torpore e ritornare operativi, mettendo in sintonia corpo e mente. Consumare un caffè insieme, non è solo un rito ereditato,  va oltre la semplice abitudine:  sprona socialità e il dialogo. In questa sede non si vuole inneggiare al consumo  sfrenato del caffè. Come tutte le sostanze nutritive devono essere consumate con parsimonia, misura e a volte evitate se provoca intolleranza o sconsigliata dal sanitario. La dose sicura di caffeina in una dieta giornaliera sarebbe   di 300 mg (la stessa contenuta, grosso modo, in tre tazzine di caffè espresso o in 6 tazze di ).

Da dove nasce la bevanda? Il caffè è una bevanda che si ottiene dalla macinazione dei semi di alcuni piccoli alberi appartenenti al genere Coffea. L’etimologia della parola “caffè” non è chiara. La versione più attendibile però è quella che derivi dal nome Caffa, zona nell’attuale Etiopia sud-occidentale, luogo di origine della bevanda.

La storia del caffè porta con sé numerose leggende: la più accreditata,  vuole la sua origine nel IX secolo, in Abissinia (attuale Etiopia). Da lì le bacche di caffè vennero poi esportate in tutta la penisola araba, che aveva nella città di Mokka il proprio centro di riferimento per il commercio. La datazione riguardo alla sua scoperta è imprecisa. È possibile che risalga all’epoca medievale, intorno al X secolo. Alcuni scritti di quell’epoca ne riportano l’utilizzo come medicinale, ma testimonianze più precise si hanno solo a partire dal XV secolo.

Secondo una leggenda la prima caffetteria aperta in Europa fu a Vienna, intorno al 1683 grazie al polacco Jerzy Franciszek Kulczycki. Questi infatti era entrato in possesso di una grande provvista di caffè abbandonata sotto le mura della città di Vienna dall’esercito ottomano in ritirata.

Proponiamo le migliori frasi  pronunciate  sulla “magia” del caffè, attribuite a personaggi noti del mondo dell’arte, dello spettacolo, della cultura.

 

  • Divino caffè il cui gusto rimane tutto il giorno in bocca.

(Arthur Rimbaud)

 

  • La vita è una bellissimo e interminabile viaggio alla ricerca della perfetta tazza di caffè.(Barbara A. Daniels)
  • Ho misurato la mia vita a cucchiaini di caffè.(Thomas Stearns Eliot)
    • A riempire una stanza basta una caffettiera sul fuoco.(Erri De Luca)
    • Ah! Come è dolce il sapore del caffè! Più dolce di mille baci, più dolce di un vino moscato.(“la Cantata del caffè” di J.S.Bach)

 

  • Come con arte va preparato, così con arte va bevuto.(Abd el Kader, XVI secolo)

 

  • Si cambia più facilmente religione che caffè.(Georges Courteline)

 

  • Per prendere un caffè e tradire la moglie c’è sempre tempo.(Totò, Antonio De Curtis)

 

  • Se non fosse per il caffè non avrei praticamente una personalità.(David Letterman)

 

  • Penso che se fossi una donna mi piacerebbe indossare caffè come un profumo.(John Van Druten)

 

  • Anche un pessimo caffè è meglio di nessun caffè.(David Lynch)

 

  • L’amicizia è come il caffè, una volta freddo non ritorna al suo sapore originale, anche se è riscaldato.(Immanuel Kant)

 

  • Il primo caffè del mattino non arriva mai, e sottolineo MAI, abbastanza in fretta.(Helen Oyeyemi)

 

  • La scoperta del caffè fu, a suo modo, importante quanto l’invenzione del telescopio o del microscopio. Il caffè infatti ha inaspettatamente intensificato e modificato le capacità e la vivacità del cervello umano.(Heinrich Eduard Jacob)

 

  • Prendo tre caffè alla volta per risparmiare due mance.(Totò)

 

  • Quando io morirò, tu portami il caffè, e vedrai che io resuscito come Lazzaro.(Peppino De Filippo)

 

  • Nessun caffè può essere buono al palato se prima non manda una dolce offerta aromatica alle narici.(Henry Ward Beecher)

 

  • Il caffè è il balsamo del cuore e dello spirito.(Giuseppe Verdi)

 

  • Quando un napoletano è felice per qualche ragione, invece di pagare un solo caffè, quello che berrebbe lui, ne paga due, uno per sé e uno per il cliente che viene dopo. È come offrire un caffè al resto del mondo…(Luciano De Crescenzo)

 

  • Un matematico è una macchina che converte caffè in teoremi.(Paul Erdos)