Home Attualità Prof. Giovanni Cuda: Il Nuovo Rettore dell’Università Magna Graecia e le Nuove...

Prof. Giovanni Cuda: Il Nuovo Rettore dell’Università Magna Graecia e le Nuove Leadership dei Dipartimenti

38

 

Il Prof. Giovanni Cuda è stato eletto come il nuovo Rettore dell’Università Magna Graecia di Catanzaro, ricevendo un ampio consenso tra gli aventi diritto al voto. L’Ordinario di Biologia molecolare ha ottenuto il 90% delle preferenze, superando il suo rivale, il Prof. Stefano Alcaro, Ordinario di Chimica farmaceutica. Il Prof. Cuda, sessantun anni e originario di Andali, provincia di Catanzaro, assumerà la carica di Rettore fino al 2029, succedendo al Prof. Giovambattista De Sarro, Ordinario di Farmacologia, che è stato Rettore dal 2017.

L’elezione del nuovo Rettore, proclamata dalla Commissione elettorale, entrerà in vigore il prossimo primo novembre. Nella stessa giornata si sono tenute anche le elezioni per i nuovi Direttori di Dipartimento, i quali inizieranno il loro mandato nell’ottobre e rimarranno in carica fino al 2026. Per il Dipartimento di Scienze mediche e chirurgiche è stato eletto il Prof. Arturo Pujia, Ordinario di Scienze e Tecniche dietetiche e Direttore della Scuola di specializzazione in Scienze dell’alimentazione, che succederà ad Antonio Gambardella. Nel Dipartimento di Medicina sperimentale e clinica, il Prof. Giuseppe Viglietto lascerà il posto a Pasquale Mastroroberto, Ordinario di Chirurgia cardiaca, mentre nel Dipartimento di Scienze della Salute continuerà a ricoprire la carica Francesco Luzza, Ordinario di Gastrologia. Il Dipartimento di Giurisprudenza, Economia e Sociologia sarà guidato dalla Prof.ssa Aquila Villella, Ordinaria di Diritto privato.

Queste nomine rappresentano una grande opportunità per l’Università Magna Graecia, in quanto il nuovo Rettore e i nuovi Direttori di Dipartimento apporteranno la loro vasta esperienza e competenza nelle rispettive discipline. Ci auguriamo  che il Prof. Cuda, insieme ai suoi colleghi, guidi l’ateneo verso nuovi traguardi e continui a promuovere l’eccellenza accademica e la ricerca di qualità.