Home Attualità Premio Letterario Nazionale Anpci. Le opere vincitrici e quelle ritenute ...

Premio Letterario Nazionale Anpci. Le opere vincitrici e quelle ritenute meritevoli di menzione speciale raccolte in un unico volume

53

Le opere risultate vincitrici delle cinque sezioni della prima edizione e quelle ritenute meritevoli di menzione speciale del Concorso Letterario Nazionale dell’Anpci ( Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia) , ispirate alla bellezza, all’arte, alla storia e alla  cultura, custodita nei  Comuni di piccole dimensioni demografiche, verranno raccolte e inserite in un unico, successivamente pubblicato.  Il volume   sarà curato dalla stessa  Associazione promotrice del primo Concorso Letterario e verrà   distribuito da una nota casa editrice nazionale.  La raccolta delle opere dichiarate vincitrici dalla qualificata Giuria della Prima Edizione del Concorso Letterario Nazionale. Intanto visto il successo registrato dalla  Prima edizione del Concorso letterario e il valore socio culturale attribuito al Concorso Letterario,  l’ufficio di Presidenza dell’Anpci e il Direttivo Nazionale, riunitisi sotto la Presidenza della Presidente nazionale, Franca Biglio,   hanno deliberato di indire la seconda edizione a. 2023. Il bando e il Regolamento del Premio potranno essere  consultati nel portale istituzionale dell’Anpci: http://www.anpci.it/news-amp-comunicazioni/comunicazioni-della-presidenza/c_2/#i_3169 oppure attraverso la pagina FB: https://www.facebook.com/profile.php?id=100080016858584.

L’ANPCI- Associazione Nazionale Piccoli Comuni d’Italia,  nasce a difesa dei Piccoli Comuni, di quelli cioè pari o inferiori a 5.000 abitanti, ma che è l’unica associazione che rappresenta realmente le aspettative dei comuni fino a 15.000 abitanti, nonché di altri Enti Locali Territoriali, raccogliendo e facendo propria anche l’eredità culturale, programmatica ed ideologica dell’Associazione delle Civiltà Comunali, e si prefigge principalmente i seguenti scopi: a) svolgere azione di promozione e tutela delle autonomie e delle risorse locali nell’ambito delle attuali suddivisioni amministrative; b) rappresentare gli interessi dei Comuni associati dinanzi agli organi centrali dello Stato, agli Organismi Comunitari, al Comitato delle Regioni e ad ogni altro organismo istituzionale; c) promuovere lo studio dei problemi che interessano direttamente gli Enti Locali e proporre le soluzioni relative avanzando tempestivamente e con determinazione agli organi responsabili richieste e proposte volte allo sviluppo di tutte le realtà comunali più piccole ed al miglioramento della vita amministrativa degli Enti Locali; d) partecipare nei modi previsti dalla legge alla contrattazione collettiva di lavoro per il personale degli Enti; e) svolgere azione di informazione degli Enti associati attraverso la diffusione di notizie, comunicati, studi, proposte ecc. che riguardino i medesimi e l’attività dell’ASSOCIAZIONE. f) promuovere e coordinare le relazioni internazionali e le attività di cooperazione allo sviluppo, nello spirito di solidarietà fra i governi locali; g) promuovere lo sviluppo economico e sociale e la competitività dei piccoli Comuni anche attraverso accordi, collaborazioni e partenariati con gli altri attori pubblici e privati locali; h) effettuare ogni attività connessa e funzionale agli scopi associativi, anche a livello internazionale, compresi studi, ricerche, attività editoriali, campagne ed eventi di comunicazione e sensibilizzazione