Home Attualità Pompei, domani venerdì si discuterà su  “Aree interne e la loro centralità...

Pompei, domani venerdì si discuterà su  “Aree interne e la loro centralità nella nuova questione meridionale”.

147

Domani, venerdì, a Pompei, alle ore 15.00, presso la sala consiliare del Comune a Palazzo De Fusco, amministratori locali, rappresentanti delle associazioni e cittadini del Mezzogiorno d’Italia si confronteranno sul tema “aree interne e la loro centralità nella nuova questione meridionale”.

Questo incontro offre un’opportunità unica per esaminare e approfondire le questioni legate alle aree interne del Mezzogiorno, evidenziando la loro centralità nella ridefinizione della questione meridionale. L’assemblea permetterà di rafforzare ulteriormente l’impegno nel promuovere lo sviluppo economico e sociale di queste regioni, con l’obiettivo di ridurre i divari infrastrutturali e territoriali.

L’assemblea-convegno degli Stati generali delle associazioni, dei sindaci e dei cittadini rappresenta un momento chiave per la collaborazione e il coordinamento di sforzi volti a implementare politiche mirate. La partecipazione attiva degli amministratori locali e dei rappresentanti delle associazioni testimonia la consapevolezza dell’importanza di lavorare insieme per affrontare le sfide e sfruttare le opportunità derivanti dalla valorizzazione delle aree interne.

Questo incontro si inserisce in un contesto più ampio in cui la questione meridionale viene esaminata e affrontata in un’ottica moderna, integrata con le politiche nazionali ed europee per colmare i ritardi storici. Saranno esaminati i problemi legati allo spopolamento delle aree interne, alle strutture e infrastrutture, al divario esistente tra le diverse realtà e alle risorse che il Sud conserva, da valorizzare e promuovere nel contesto nazionale ed europeo.

Noi de L’eco della valle saremo presenti per documentare e riportare le fasi più salienti di questo importante appuntamento che affronterà un argomento radicato nella storia, fondamentale per consentire alle istituzioni di comprenderlo e di proiettare il Mezzogiorno d’Italia nella modernità del mondo globalizzato. L’obiettivo è camminare con i tempi e abbracciare il progresso tecnologico avanzato.