Home Attualità Pippo Callipo, candidato Presidente per il PD?

Pippo Callipo, candidato Presidente per il PD?

43

Pippo Callipo, candidato Presidente per il PD?
Stimo l’uomo e l’imprenditore che ha dato e continua a dare lustro alla nostra regione. Ho apprezzato sempre il suo modo umano e professionale di gestire l’azienda e il suo modello di saper fare impresa in una regione difficile e complessa come la Calabria.
Un imprenditore, insomma, serio che con coraggio si è sempre distinto dai “prenditori”, termine cui sovente ricorre per denunciare l’anomalo uso che si fa delle risorse pubbliche e gli sperperi che esistono ad ogni livello istituzionale. “Io resto in Calabria” è stato non un pensiero astratto racchiuso in un movimento, ma un impegno sociale e morale che ha manifestato rimanendo nella sua terra anche quando ha dovuto subire le angherie e la prepotenza di chi in questa nostra terra la fa da padrone da tempi remoti. “Io resto in Calabria”, non ha rappresentato un movimento di opinione, ma una scuola di pensiero, di valori, un incitamento rivolto in primo luogo ai giovani , ai talenti, alle intelligenze calabresi per non abbandonare ma restare a lottare e trasformare questa terra, farla uscire dal torpore e dalla rassegnazione, strapparla dalle grinfie di un potere asfittico che nel tempo non è riuscito a tirare fuori la Calabria dall’isolamento e dal sottosviluppo.
Uomo coraggioso, temerario, tenace ha onorato sempre, quindi, i suoi valori di onestà e amore per la sua terra, spronando all’impegno sociale e sollecitando i giovani a non mollare di fronte alla ‘ndrangheta e ai soprusi.
Ha vissuto anche l’esperienza di candidato alla Presidenza della regione, ma non ha ottenuto i suffragi necessari per porsi alla guida della sgangherata macchina regionale. Alle elezioni regionali del 2014 Pippo Callipo si schiera contro il PD, sostenendo Wanda Ferro, candidata Presidente del centro destra; oggi, invece, il PD lo candida Presidente .
A questo punto mi perdo, inizio a comprendere poco sulla stabilità politica dell’ imprenditore e rinuncio perfino a commentarla. Preferisco il Pippo Callipo, imprenditore che condanna i “Prenditori”, che sollecita con il suo movimento a restare in Calabria, che costruisce messaggi di speranza e di crescita. Credo meno a Pippo Callipo politico, a meno che i partiti, come diceva qualcuno, non siano lo strumento per arrivare al potere. Una macchina, insomma, che trasporta il politico a raggiungere le stanze dei bottoni dalle quali cambiare la regione.
Se questa è l’intenzione le speranze non sono crollate. Può essere un metodo, una strategia da attuare in una terra dove il cambiamento è parola usurata ma non attuata.
Pippo Callipo, candidato Presidente PD? Mah….. Auguri a prescindere, grande Pippo……! (Franco Garofalo)