Home Attualità “Percorsi della legalità e rispetto dell’altro sé” seconda tappa a GRIMALDI

“Percorsi della legalità e rispetto dell’altro sé” seconda tappa a GRIMALDI

46

I “Percorsi alla legalità e rispetto dell’altro se”, approderanno sabato 11 febbraio 2017, alle ore 9.30, a Grimaldi, nella sala Madre Teresa di Calcutta, destinata ad accogliere la II giornata di studio per come programmato dall’Istituto Comprensivo di Mangone, con la collaborazione del Comune di Grimaldi, l’associazione Universo Minori e l’Associazione savutolibero. Il programma prevede la partecipazione della dott.ssa Adriana Muselli – Presidente “ Riferimenti coordinamento Nazionale antimafia gerbera Gialla, del dott. Giuseppe Carrà – Direttore della casa di reclusione di Rossano, della dott.ssa Rita Tulelli – Presidente dell’associazione “ Universo Minori” e dell’avv. Claudia Conidi, del dott. Carmine Carpino , dirigente medico, cardiologo. I lavori saranno introdotti dalla prof.ssa Mariella Chiappetta, dirigente Scolastica. I saluti saranno porti dall’avv. Carlo Ferraro, sindaco del Comune di Grimaldi, dal dott. Luca Alice, Presidente dell’istituto Comprensivo e dal Presidente dell’associazione savutolibero, Eugenio Canino.
I lavori saranno coordinati dal prof. Francesco Garofalo. Gli interventi saranno intervallati da lettura di brani a cura dell’Avv. Giorgia Maria Calabrò, accompagnata alla chitarra dal maestro Raffaele Colombo. E’ prevista inoltre la partecipazione del soprano Ginevra Grossi.
Le conclusioni saranno affidate al dott. Giuseppe Greco, giudice del tribunale di Cosenza.
Nel corso della manifestazione la dott.ssa Rita Tulelli – Presidente dell’associazione “ Universo minori” consegnerà alla scuola un defibrillatore.
Una giornata di ascolto, di approfondimenti e di riflessione dedicato agli alunni, alle famiglie, ai docenti e rappresentanti delle istituzioni locali intorno ai temi più scottanti che caratterizzano il vivere sociale e le relazioni interpersonali all’interno delle comunità locali.
Che cosa si intende, oggi, per “educare alla legalità”? Che cosa significa “educare al rispetto dell’altro sé”? E ancora: che ruolo deve svolgere la scuola per costruire consapevolezza, per edificare percorsi formativi che aiutino gli alunni a saper scegliere e orientarsi in situazioni moralmente significative? Che fare per evitare che l’educazione alla legalità si trasformi in mera retorica e autoreferenza ?A queste domande sta fornendo risposte il tracciato socio -culturale che sta percorrendo l’Istituto Comprensivo di Mangone – Grimaldi, con la collaborazione di esperti, magistrati, associazioni e genitori. Un ruolo fondamentale viene assegnato all’ascolto di coloro i quali hanno vissuto e vivono sulla propria pelle il dramma della violenza e delle vessazioni, della ndrangheta e delle ingiustizie; testimonianze che parlano con il cuore e che lasciano il segno nelle coscienze delle nuove generazioni e non solo. Le iniziative inserite e concretizzate nell’arco dell’a.s. dall’istituto Comprensivo di Mangone, in materia di “legalità e rispetto dell’altro sé”, si ripromettono di incidere sugli aspetti della formazione del “pensiero responsabile e democratico”, finalizzato a costruire il senso di una comunità più giusta, che riparti dal rispetto dell’altro sé, considerando le regole condivise che danno senso e significato al vivere insieme. Una società che riconosca le differenze di ciascuno nel pieno rispetto della convivenza civile.