Home Attualità Perché alcuni amici spiano il tuo profilo ma non mettono mai “mi...

Perché alcuni amici spiano il tuo profilo ma non mettono mai “mi piace” sui tuoi post? di Francesco Garofalo (sociologo)

90

Spesso durante le lezioni di Sociologia emergono domande sui comportamenti osservati sui social media. Un interrogativo interessante è: “Cosa significa quando un amico controlla il tuo profilo ma non mette mai mi piace su un tuo post? Da cosa dipende?” Questo spunto ci porta a riflettere sull’importanza del supporto e della discussione costruttiva sui social.

Possibili motivi per cui qualcuno spia il tuo profilo senza interagire:

  1. Insicurezza o timidezza: Alcune persone potrebbero sentirsi insicure o timide nel manifestare apertamente il loro interesse.
  2. Invidia: L’invidia potrebbe trattenere qualcuno dal mostrare apprezzamento per i tuoi successi o la tua felicità.
  3. Concorrenza: Potrebbe esserci una sorta di competizione percepita, dove l’altro non vuole contribuire alla tua visibilità.
  4. Disinteresse: A volte, potrebbe semplicemente non essere interessato ai contenuti che pubblichi, pur continuando a monitorare il tuo profilo.
  5. Privacy: Alcuni preferiscono mantenere le loro attività sui social media private e quindi evitano di interagire pubblicamente.

Perché, invece, è importante saper discutere e interagire anche sui social oltre che nella vita reale:

Condivisione di idee: Partecipando attivamente alle conversazioni, contribuiamo a una discussione più ricca e significativa, arricchendoci di nuove prospettive. Secondo studi sulla comunicazione sociale, il dialogo aperto e inclusivo è essenziale per lo sviluppo di una società più tollerante e coesa.

Supporto reciproco: Mostrare apprezzamento per i messaggi e le immagini degli altri è un modo semplice ma potente per sostenersi a vicenda. La ricerca dimostra che l’interazione positiva sui social media può aumentare il senso di appartenenza e ridurre i sentimenti di isolamento.

Valorizzare il significato: Le immagini e i messaggi che condividiamo spesso raccontano storie, esperienze e sentimenti. Dare loro attenzione significa riconoscerne il valore. Studi nell’ambito della sociologia indicano che il riconoscimento delle esperienze altrui attraverso i social media contribuisce a costruire empatia e comprensione.

Vi invito quindi a essere più attivi e presenti . Se qualcosa vi colpisce, prendete un momento per rispondere, lasciare un commento o semplicemente inviare un’emoji di apprezzamento. Questi piccoli gesti creano connessioni e rafforzano i legami all’interno del gruppo di appartenenza.

Parliamo, discutiamo, condividiamo. Rendiamo le nostre chat un luogo di positività, crescita e supporto. Insieme possiamo fare la differenza!

Integrare discussioni costruttive e positive sia nella vita reale che sui social media è cruciale per promuovere un ambiente di crescita e sostegno reciproco, evitando pregiudizi, invidie e strumentalizzazioni politiche. Studi condotti anche di recente dimostrano che i social media possono migliorare la qualità delle relazioni sociali, mentre altre ricerche sottolineano come le interazioni online possano rafforzare le connessioni sociali esistenti e creare nuove opportunità di supporto e collaborazione. Condividiamo, quindi, positività e sostegno, sia online che nella vita di tutti i giorni! ( Francesco Garofalo- sociologo)