Home Attualità Oggi 17 ottobre si celebra la “Giornata mondiale di eradicazione della povertà”,...

Oggi 17 ottobre si celebra la “Giornata mondiale di eradicazione della povertà”, giunta quest’anno alla sua ventinovesima edizione.

18

Ricorre la “Giornata mondiale di lotta contro la povertà, dichiarata dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con la risoluzione 47/196 del 22 dicembre 1992.

 Una ricorrenza  che assume un significato maggiore in questo momento storico, attraversato da eventi che stanno   incrementando  la povertà ed il malessere sociale nel pianeta.  Ci riferiamo alla pandemia, ai conflitti e alla crisi energetica in modo particolare. Secondo  il Rapporto ISTAT 2021, infatti,  torna a crescere la povertà assoluta e impatta soprattutto sugli stranieri. Se il nord est del paese si è sempre dimostrato forte,  la pandemia ha scosso anche  i sistemi produttivi creando un peggioramento della situazione. Essere in “povertà assoluta” significa non avere i mezzi per vivere con dignità. La soglia di povertà assoluta rappresenta il valore monetario, a prezzi correnti, del paniere di beni e servizi considerati essenziali per ciascuna famiglia, definita in base all’età dei componenti, alla ripartizione geografica e alla tipologia del comune di residenza.

Dopo un minimo miglioramento nel 2019, la povertà assoluta è tornata a crescere,  raggiungendo il livello più elevato dal 2005. Come sempre accade in una crisi economica, a pagarne le maggiori conseguenze sono le fasce più vulnerabili .Nel primo anno della pandemia, i poveri assoluti sono aumentati di un milione: da 4,6 milioni nel 2019 a oltre 5,6 nel 2020.l’incidenza di povertà è maggiore al Sud rispetto al nord della penisola: A livello territoriale, l’incidenza più elevata si registra nel Mezzogiorno. In questa parte del Paese è richiesta una maggiore attenzione da parte delle istituzioni pubbliche, chiamate  ad elaborare progetti e individuare risorse in grado di creare crescita e sviluppo  per fronteggiare le problematiche legate allo stato di povertà.