Home Attualità Natale in Poesia: L’Affettuosa Trilogia di Eugenio Maria Gallo e gli evocativi...

Natale in Poesia: L’Affettuosa Trilogia di Eugenio Maria Gallo e gli evocativi Versi di Enrico Vignati.

88

E’ un piacere condividere i suggestivi versi  dedicati al Natale di due stimatissimi poeti e scrittori,  Eugenio Maria Gallo e  Enrico Vignati, entrambi, sebbene provenienti da diverse aree geografiche, nord e sud, condividono la convinzione che il vernacolo sia un tesoro linguistico , capace di trasmettere l’autenticità e la ricchezza delle radici culturali dei singoli luoghi.  In queste poesie,  gli autori  esprimono  con delicatezza e profondità i sentimenti legati a questa festa così speciale.

Natale in Poesia: La Trilogia Affettuosa di Eugenio Maria Gallo – Un Viaggio Tra Tradizione e Nostalgia

Il Prof. Eugenio Maria Gallo, con la sua “Trilogia sul Natale,” ci offre una rappresentazione affettuosa e nostalgica della festa natalizia, immergendoci nelle tradizioni e nei ricordi della sua infanzia.  La poesia è scritta in vernacolo, aggiungendo un tocco di autenticità e radicamento culturale.

Natale ‘nfamiglia, la prima poesia, ci trasporta indietro nel tempo, in un’epoca in cui il Natale era vissuto con una semplicità e un senso di comunità unici. Il poeta e scrittore  riflette sulla dimensione familiare della festa, sottolineando come, nonostante le sfide del mondo contemporaneo,  la fede e la tradizione possano unire le persone in un legame profondo.

Natale allu fucune esplora il calore e l’atmosfera accogliente della Notte Santa. Il prof. Eugenio Gallo,  ci porta in un viaggio attraverso le tradizioni familiari, i racconti e le canzoni che rendevano il Natale un momento speciale. L’immagine del fuoco che arde e della condivisione di storie e canti tra amici e parenti crea un quadro vivido di gioia e connessione umana.

Para Natale anticu chiude la trilogia con una riflessione sulla perdita delle antiche tradizioni e la conservazione di quei valori nell’attualità. Il prof. Gallo  sottolinea la mancanza di certi elementi del passato, come il fuoco e le melodie tradizionali, ma trova conforto nel fatto che alcune tradizioni siano ancora vive grazie alla passione delle nuove generazioni.

Le poesie di Eugenio Maria Gallo celebrano il Natale come un momento di unione familiare, tradizioni radicate e ricordi preziosi. Il suo utilizzo del vernacolo conferisce un tocco autentico e locale, permettendo ai lettori di immergersi nella cultura e nei sentimenti del Natale-

Eugenio Maria Gallo, Trilogia sul Natale – Rogliano dicembre 2023.

Natale ‘nfamiglia

Natale è venutu puru st’annu,

Ma ‘u munnu è chjinu de dulure

Ppe’ ss’odiu e sse guerre chi cce sunnu

Ch’offennanu propriu assai ‘u Segnure.

Mpece alli tempi mii ‘e quatraranza

Eramu cchju’ bboni e chjini de speranza.

Natale tannu si ch’era ‘na festa

Fatta ccu core e chjina de calure

Facia la nive allu paise e alla furesta

E metru d’a vita era l’amure.

Pperciò vorra turna’ anco’ guagliune

Ccu la famiglia antica allu fucune.

E si cce pensu viju mu’ chilla nivera,

Sentu l’adduri d’a vijilia de ‘na vota,

Quannu mamma appicciava la vrascera

E de papà aspettava la ricota.

Zi-zia faccenniava alla cucina

E zu Ggeniu arrocciuava ‘na cartina.

Cchi bella chilla sira de Natale,

Eramu tutti nseme ‘ncumpagnia,

Era ‘na sira propriu assai speciale

Fatta de tradizioni e de magia.

Sutt’u piattu ‘e papà ‘a letterina,

Sutt’u nostru ‘ncuna lira ‘ntr’a bustina.

Ppe cena se facia pasta e mullica,

Baccalà, patate e le ‘nzalate,

Era chissa ‘a tradizione antica

Tutta de macru, senza carne né  salatu.

Turdilli, scalille, chinuille,

Frutt’e stagione, nuci e nucille.

Po’ tutti ‘nseme allu focuaru

A sentere ‘e rumanze de zi-zia,

Storie ‘e misteru e de sensu raru

D’a tradizione antica chi dicia:

“A menzannotte ‘a funtana curra ogliu

E lu ferru se fa oru trugliu trugliu”.

Ne cuntava puru fatti edificanti

‘E San Giuseppe chi focu jia girannu,

E truvatu ‘nu pastore ch”avia vrascia

Sinn’ha misu ‘ntr’u mantu suspirannu.

“Cchi notte – dicia lu pastore de ssu locu –

Un junnan’i cani, un vruscia manc’u focu.

Pue sunat’a Missa ‘e menzannotte,

Tutti alla Gghiesia a festeggia’ ‘u Natale,

Allu luntanu sentii ‘ncunu bbottu

E ntunava la zampugna ‘a Pasturale.

Pensu alli mii, allu tempu sprejutu

E cummossu le mannu ‘nu salutu.

Alla ricota d’a Gghiesia, allu fucune

C’era ‘nu capizzu ancora ardente,

Era granne ppe’ dura’ fin’u matinu

E ne scarfava tuttu l’ambiente.

Iu m’attuzzava alla spalla de zi-zia

E quetu quetu allu focu m’addurmia.

Nustalgia d’u Natale de ‘na vota,

Chill’aria ‘e festa cadiava tutt’a casa,

Cum’era cuntentu all’ura d’a ricota

Guardann’u Prisepiu a chilla rasa.

Addiu jorni belli ‘e quatraranza,

Quant’emozioni dintra chilla stanza.

Eugenio Maria Gallo

Natale allu fucune

Natale, quannu iu era guagliune,

Era ‘na festa assai cuntata,

Ntr’a casa era viatic’u fucune

Duve ‘a famiglia se dava ‘na cadiata.

N’aria duce spirava tuttu ‘ntornu

Ppe’ tutt’a Notte Santa e ppe’ lu Jornu.

Stavamo fin’a tardu ‘ntorn’u focu

Tutti ‘nseme a sentere e a parrare,

C’era chine se nventava ‘ncunu jocu

E chine avia ‘na filetta de cuntare,

Rumanze e fatti tannu eranu tanti,

‘Mpres’e briganti e puru storie ‘e Santi.

Doppu cena se stava ‘ncumpagnia

Ccu le famiglie amiche e li parenti,

Fisc-cava lu focu e forte ardia

Vidennu tutti nue assai cuntenti.

Era ‘na sira propriu assai speciale

E mu’ duv’edi chju’ chillu Natale?

Oje un senti cchju’ ‘nu zampugnaru

Ch’accorda e va ‘ntunannu ‘a Pasturale,

Un senti ppe’ le vie ‘nu strinaru

Chi canta la strina de Natale.

Su’ ricordi chille Notti Sante,

Natale ormai è ‘na Festa cumu tante.

Eugenio Maria Gallo

Para Natale anticu

Natale sinne vena ugne annu

‘Nseme alli ricordi d”u passatu

E se prisenta cumu tutti sannu

Ccu ‘ncunu ritu ch’u tempu n’ha lassatu.

Pperciò ‘a vijilia all’ura d’a ricota

Pensu sempre allu Natale de ‘na vota.

‘Nu tempu era la festa d’a famiglia

Chi ‘nseme se riunia allu fucune,

C’eranu signi ‘e festa dintr’a casa

E ‘nu mazzett’e pungitopu allu purtune.

Me ricordu e ancora vaju pensannu

Ca Natale s’aspettava tuttu l’annu.

Oje un c’è cchju’ fucune né vrascera,

Para ch’e case ud hannu cchju’ calure,

L’aria certu ud è cchju’ chilla d”aieri

Ma cce su’ ‘ntornu luci ‘e ugne culure.

Pur’i guagliuni ormai sunnu cangiati

E vau circann’i jochi cchju ‘cuntati.

‘U neputellu miu però ha pensatu

De rispettare ancora ‘a tradizione,

Pur’u Prisepiu mu’ m’ha priparatu

E si cc’è datu ccu tanta divuzione.

L’haju dittu grazie mentre ‘u facia

Ch’ha fattu turna’ guagliune pur’a mie.

Mu’ ccu’ s’addur’e muschiu dintr”a casa

Para su’ torna i tempi de ‘na vota,

Vaju girann’u fucune ad ugne rasa

O ‘na vrascera ccu’ tutti  ‘ntornu a rota.

Me para propriu ‘u Natale anticu

E iu v’abbrazzu e ve benedicu.

Eugenio Maria Gallo

:::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::::

Enrico Vignati

Il Natale, secondo Vignati, è il giorno che accende la speranza, un momento in cui un bambinello in una mangiatoia diventa il simbolo di una luce che risplende nei nostri cuori. L’atmosfera festosa è resa vivida dalle luci e palline colorate sugli alberi, che sprigionano gioia nel cuore di chi le osserva.

Il poeta affronta il tema dei ricordi speciali, ricordando con affetto quelli trascorsi e augurando speranze radianti per coloro che sono agli albori della loro vita. La fede, sebbene possa scemare, trova un sostegno nelle tradizioni e nei riti pagani, che mantengono accesa la fiamma dell’atmosfera natalizia.

Vignati invita a unire il sacro e il profano, almeno per quel giorno, amando e sperando. Nel contesto delle tensioni globali, la poesia si fa portavoce di un desiderio universale: che le bombe di guerre vicine tacciano almeno per un giorno e che le note assassine si fermino.

Il Babbo Natale diventa un ricordo passato, ma Vignati si illude sperando che possa tornare, non solo come figura iconica, ma come guida capace di istruire la gente e insegnare ad amare. Nel concludere la sua poesia, l’autore augura ai suoi amici un sereno Natale e invita tutti a brindare insieme, sperando che i sogni possano avverarsi in un clima di pace e amore.

Gli auguri di Enrico Vignati per un Natale sereno e l’invito a condividere momenti di gioia e speranza trasmettono un messaggio di solidarietà e riflessione, rendendo questa poesia un dono prezioso per chiunque la legga.

Enrico Vignati dedicati al Natale

NATALE

Giorno che accende la speranza,

un bambinello in una mangiatoia

luci e palline colorate sugli alberi,

nei nostri cuori sprigionano gioia.

Ricordi speciali per chi tanti ne ha

trascorsi,

speranze radiose per chi invece è

agli albori.

Laddove la fede va via via scemando,

le tradizioni e i riti pagani tengono

con forza accesa la fiamma.

Sacro e profano si prendono per

mano, almeno per quel giorno amando

e sperando.

Tacciano le bombe di guerre vicine,

fermino almeno un giorno quelle

note assassine.

Babbo Natale è un ricordo passato,

spesso mi illudo che possa tornare,

a istruire la gente, a insegnare ad amare.

E cullando questo sogno agli amici voglio

augurare, che almeno per loro si possa

avverare, un sereno Natale e insieme

brindare.

E.V. 2023