Home Attualità Mercoledì 1° novembre 2023, non solo Ognissanti: è la giornata mondiale dei...

Mercoledì 1° novembre 2023, non solo Ognissanti: è la giornata mondiale dei vegani. Nel nostro Paese sono il 2,4% della popolazione.

29

Oggi  1 novembre, oltre a celebrare la ricorrenza Ognissanti,  è anche la Giornata Mondiale dei Vegani.  Un’occasione  particolare  per coloro che adottano uno stile di vita che si distingue per il rifiuto di qualsiasi utilizzo di risorse animali, sia nell’alimentazione che nell’abbigliamento. Mentre i vegetariani evitano di consumare carne animale ma includono latte e uova nella loro dieta, i vegani eliminano completamente questi prodotti.  La data del 1 novembre è stata scelta in onore della Vegan Society, fondata il 1 novembre 1944 a Londra da Donald Watson, la prima società vegana al mondo, con un’impronta storica di 79 anni.

In Italia, la percentuale di vegani nella popolazione  ammonterebbe  a 2,4%, mentre i vegetariani rappresenterebbero  il 4,2%, secondo il 35° Rapporto Italia dell’Eurispes.

In Italia, il fatturato dei prodotti a base vegetale, compresi quelli vegetariani, ma non necessariamente vegani, ammonta a 500 milioni di euro, secondo l’Unione Italiana Food. Burger e piatti pronti sono tra i prodotti che crescono di più, registrando un aumento del 12%, mentre le vendite di gelati e dessert aumentano del 2,6%. Il mercato delle bevande vegetali rimane stabile con un incremento del 0,4%. È importante notare che questi prodotti non sono destinati solo ai vegani e vegetariani, ma anche ai flexitariani, ovvero coloro che occasionalmente riducono il consumo di alimenti di origine animale per motivi di salute o etici. L’Unione Italiana Food riporta che oltre 22 milioni di consumatori italiani hanno almeno una volta acquistato prodotti a base vegetale.

La sostenibilità ambientale sta diventando un fattore determinante per molti consumatori che sono disposti a modificare le proprie abitudini alimentari. Alcuni sono persino favorevoli all’idea di consumare carne sintetica, prodotta in laboratorio a partire da cellule staminali prelevate da animali senza ucciderli. Secondo l’ultimo rapporto Eurispes, il 25% degli italiani sarebbe interessato agli hamburger di laboratorio. Tuttavia, è importante notare che in Italia è in corso una discussione legislativa, con un disegno di legge che mira a vietare tali alimenti, con prevista approvazione alla Camera il 6 novembre.