Home Attualità Martedì 30 agosto 2022, Giornata internazionale delle vittime delle sparizioni forzate. ...

Martedì 30 agosto 2022, Giornata internazionale delle vittime delle sparizioni forzate. Chi sono le vittime di sparizione forzate? Sono persone che letteralmente vengono fatte scomparire dalle loro famiglie e dalle loro comunità.

16

 Chi sono le vittime di sparizioni forzate? Sono persone che letteralmente vengono fatte scomparire dalle loro famiglie e dalle loro comunità. Vengono prelevate dalle loro case o in mezzo alla strada, in modo arbitrario e senza alcun mandato d’arresto, da funzionari dello stato o persone che operano col consenso di questi ultimi, i quali negano l’accaduto o rifiutano di dare informazioni. In alcuni casi le sparizioni chiamano in causa anche attori non statali, come i gruppi armati di opposizione.

Sovente le persone  non vengono mai rilasciate e il loro destino rimane sconosciuto. In assenza di informazioni sulla loro ubicazione e nell’impossibilità di contattare un avvocato, molte vengono torturate. Altre vengono uccise o vivono in prigionia nel costante terrore di essere uccise. Sanno che le loro famiglie non hanno la minima idea di dove si trovino e che difficilmente troveranno aiuto da parte di qualcuno.

Anche quando scampano alla morte e vengono rilasciati, gli scomparsi portano con sé ferite fisiche e psicologiche difficilmente rimarginabili.

Le sparizioni forzate violano una vasta gamma di diritti: alla sicurezza e alla dignità della persona, a non essere sottoposti a torture e ad altri trattamenti o pene crudeli, inumani o degradanti, a condizioni umane di detenzione, alla personalità legale, a un processo equo, alla vita familiare e alla vita in quanto tale.

Diffondere terrore  . Le sparizioni forzate vengono sovente  usate per seminare terrore. La sensazione d’insicurezza e di paura che generano non si limita solo ai parenti stretti ma colpisce la comunità d’appartenenza e la società nel suo complesso. Una volta erano per lo più appannaggio di dittature militari. Oggi le sparizioni forzate hanno luogo in ogni parte del globo e in una pluralità di contesti: conflitti interni, repressione politica, attività di gruppi armati di opposizione. A rischiare sono soprattutto i difensori dei diritti umani, i parenti degli scomparsi che si mettono alla loro ricerca, i testimoni e gli avvocati per i diritti umani. I parenti e gli amici delle persone scomparse entrano a poco a poco in una dimensione mentale di pura angoscia: non sanno se i loro figli, i loro genitori, i loro coniugi o i loro amici siano ancora vivi, se e dove siano detenuti, come vengano trattati. La ricerca degli scomparsi può comportare gravi pericoli per i familiari. Inoltre questi ultimi, non sapendo se un giorno i loro cari torneranno, vivono in un tempo sospeso. Chi sono gli individui che maggiormente rischiano? A livello globale, gran parte degli scomparsi sono uomini. Ma sono le donne che molto spesso portano avanti la lotta per la verità, anche per mesi o per anni: per questo vanno incontro a intimidazioni, persecuzioni e atti di violenza. La Convenzione internazionale per la protezione di tutte le persone dalle sparizioni forzate è entrata in vigore nel 2010 con l’obiettivo di prevenire le sparizioni forzate, scoprire la verità su quelle del passato e assicurare che sopravvissuti e familiari degli scomparsi ricevano giustizia, verità e riparazione.

La Convenzione è uno dei più importanti e stringenti trattati internazionali mai adottati dalle Nazioni Unite. Definisce il crimine di sparizione forzata ed elenca le misure che lo stato deve assumere per prevenire le sparizioni forzate e indagare e processare i responsabili. L’attuazione della Convenzione è monitorata dal Comitato sulle sparizioni forzate, che riceve e valuta comunicazioni da parte di vittime, di loro rappresentanti legali e di stati terzi e fornisce l’interpretazione autentica delle disposizioni della Convenzione. Secondo il diritto internazionale,  il crimine di sparizione forzata è in atto fino a quando lo stato non riveli il destino o la localizzazione delle persone coinvolte e fino a quando, dopo che la sparizione è stata confermata, non restituisca i resti dei corpi alle famiglie.

 Giornata vittime sparizioni forzate: Mijatovic (Consiglio d’Europa), in Ucraina numero allarmante di persone fatte scomparire dalle truppe russe.