Home Attualità 1° marzo si celebrerà la Giornata mondiale contro le discriminazioni, istituita nel...

1° marzo si celebrerà la Giornata mondiale contro le discriminazioni, istituita nel 2014 da UNADIS per promuovere una più ampia sensibilizzazione in materia.

33

L’evento  viene promosso la prima volta nel 2014 da Michel Sidibé, direttore esecutivo di UNAIDS, (il programma delle Nazioni Unite per l’Aids/Hiv) per  diffondere  una più ampia sensibilizzazione sui temi della discriminazione.

In  diverse parti del Paese si organizzano manifestazioni  contro la discriminazione  e per ricordare quanto sia importante unirsi contro ogni forma di  ghettizzazione,  isolamento, penalizzazioni. Allo stesso tempo  si vuole ricordare  quanto sia importante affermare e difendere sempre il diritto di ciascun individuo di vivere con dignità una vita piena e realizzata; per concretizzare quanto dispone la nostra Costituzione, all’articolo 3: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali.

Da studi recenti si evince che negli ultimi anni sta aumentando la disuguaglianza raggiungendo percentuali superiori al 70% nella popolazione mondiale, accrescendo il pericolo di divisione e innalzando barriere allo sviluppo economico e sociale.

In occasione della Giornata è importante, quindi, che si apra all’interno delle istituzioni scolastiche e locali, specialmente  in questo periodo difficile per le comunità,   un’attenta riflessione in difesa della dignità umana.

Artt. 1 e 2 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani: articolo 1 “Tutti gli esseri umani nascono liberi ed eguali in dignità e diritti. Essi sono dotati di ragione e di coscienza e devono agire gli uni verso gli altri in spirito di fratellanza.”

Articolo 2 “Ad ogni individuo spettano tutti i diritti e tutte le libertà enunciate nella presente Dichiarazione, senza distinzione alcuna, per ragioni di razza, di colore, di sesso, di lingua, di religione, di opinione politica o di altro genere, di origine nazionale o sociale, di ricchezza, di nascita o di altra condizione. Nessuna distinzione sarà inoltre stabilita sulla base dello statuto politico, giuridico o internazionale del paese o del territorio cui una persona appartiene, sia indipendente, o sottoposto ad amministrazione fiduciaria o non autonomo, o soggetto a qualsiasi limitazione di sovranità.”

Gli stessi concetti sono poi ribaditi anche all’articolo 21 della Carta dei Diritti fondamentali dell’Unione Europea.