Home Attualità Mario Occhiuto, ordina all’A.O. assunzione personale. Grave emergenza “ Costretto ad...

Mario Occhiuto, ordina all’A.O. assunzione personale. Grave emergenza “ Costretto ad emanare ordinanza contingibile e urgente”.

15

 

Mario Occhiuto, sindaco della città Bruzia, ordina all’Azienda Ospedaliera l’assunzione immediata di nuovo personale sanitario a tempo determinato (medici, infermieri, Oss, tecnici di laboratorio e tecnici di radiologia).

Il provvedimento si collega alla  grave emergenza che “sta vivendo in queste ore l’Ospedale, che, alla luce della sempre maggiore diffusione dei contagi da Covid-19, non riesce più, con le risorse umane in organico, a soddisfare il bisogno di cure dei pazienti ricoverati, ed alla situazione, di altrettanta gravità, in cui versa il Pronto soccorso dello stesso Ospedale dove stazionano in corsia numerosi pazienti Covid in attesa di ricovero in reparto”.

 

Sono stato costretto ad emanare un’Ordinanza contingibile ed urgente perché – spiega attraverso i social- il nostro Ospedale rischia il collasso a causa dell’incalzare della pandemia da Covid-19.

Quotidianamente infatti arrivano nuovi casi Covid da tutta la provincia (a fronte di un numero inferiore di dimissioni) che stazionano nel Pronto Soccorso, aumentando l’emergenza con necessità di posti letto attrezzati e di personale sanitario dedicato.

Il primo cittadino di Cosenza  avrebbe  valutato personalmente quanto succede al pronto soccorso.

 

“Stamattina- racconta-  ho personalmente riscontrato che in una sala comune dello stesso Pronto Soccorso stazionavano 22 persone contagiate sui letti barella in attesa di sistemazione nei reparti. Un signore anziano mi ha riconosciuto e mi chiesto aiuto. Sono ritornato pomeriggio e l’ho ritrovato allo stesso posto, mentre altri pazienti nuovi arrivati erano ancora addirittura nelle ambulanze. Dispiace e mi piange il cuore vedere queste persone anziane da sole attendere giorni interi in questa condizione. Domattina con la Protezione Civile comunale installeremo delle tende in modo da implementare gli spazi”.

La nostra regione è stata classificata “zona rossa”, con conseguente regime giuridico di massima allerta e di profonde restrizioni, non tanto per una rilevanza dei numeri del contagio, palesemente più contenuti che in altre zone d’Italia, ma per le carenze strutturali del sistema sanitario regionale che- continua-  non è capace di fronteggiare nemmeno i numeri attuali di contagiati.

Mario Occhiuto, conclude soffermandosi sulle vicende che stanno caratterizzando  il commissariamento della sanità calabrese.

“Negli ultimi giorni si è assistito ad un vergognoso susseguirsi di eventi,- sostiene-  che hanno avuto rilevanza mediatica nazionale, che hanno comprovato l’assenza di competenza e di senso di responsabilità delle strutture verticistiche sanitarie titolari della governance in Calabria. Nonostante la formale presenza di un Piano Covid regionale, lo stesso, per ciò che è emerso sui media nazionali, è da considerarsi mero adempimento formale/burocratico, di fatto inattuato e lettera morta”.

Purtroppo devo dire che questa situazione era facilmente prevedibile e risolvibile se si fosse operato con determinazione e con senso di responsabilità. Ma il commissariamento in Calabria si è sostanzialmente trasformato in una occupazione e direi anzi in una usurpazione di prerogative- incalza-  costituzionalmente sancite, con il risultato di creare solo rimpalli deresponsabilizzanti e confusione di competenze, nonché una perenne conflittualità tra Stato e Regione.

Da adesso in poi sarebbe meglio se alla Calabria pensassero i calabresi”.