Home Attualità L’opposizione : Sindaca e giunta attuino il...

L’opposizione : Sindaca e giunta attuino il Piano comunale del diritto allo studio

37

S. Stefano di Rogliano – Scuolabus negato alla bambina che vive in contrada Foresta. Da un mese non frequenta la scuola primaria e i genitori, che versano in condizioni di disagio economico, non sono in grado di garantire il trasporto per entrambi i figli minori. La famiglia non ha la possibilità di accompagnare ogni mattina la bambina a scuola, in quanto già impegnata quotidianamente a condurre, l’altro figlio minore frequentante la scuola superiore situata nel Comune di Scigliano.
L’opposizione, guidata da Andrea Nicoletti, sollecita l’intervento di tutte le autorità interessate al rispetto delle norme sul diritto allo studio. “Sindaca ed esecutivo comunale applichino quanto esplicitato nella loro delibera di giunta, approvata il 26 aprile scorso concernente il “Piano comunale del Diritto allo studio”. Nella citata delibera, approvata con i voti della Sindaca e dell’assessore alla cultura, risulta testualmente scritto: “Il servizio trasporti e assistenza alunni è importantissimo in relazione alle esigenze di una frazione, alla particolare ubicazione degli edifici scolastici, alle esigenze di nuove zone di sviluppo distanti dai centri e di
DIVERSE ZONE RURALI. IL SERVIZIO
E’ IN FUNZIONE PER TUTTA LA DURATA DELL’ANNO SCOLASTICO”

Bloccare bruscamente il servizio scuolabus alla bambina che abita in una zona rurale, ritenuta dagli stessi amministratori comunali zona fortemente svantaggiata geograficamente, contrasta con i diritti riconosciuti nell’atto deliberativo approvato dalla giunta, con i diritti riconosciuti dallo Statuto comunale e dalla carta Costituzionale. “I diritti dei bambini sono sacri e vanno rispettati sempre, soprattutto quando si tratta del diritto all’istruzione, Diritto contemplato dal Comune attraverso l’atto deliberativo n. 29 dello scorso mese di aprile in cui si afferma che l’amministrazione comunale assicura la rimozione delle “cause ambientali, sociali ed economiche che possono ostacolare i processi di formazione”. La Sindaca e la sua giunta sostengono i consiglieri di opposizione “diano esecutività reale all’atto deliberativo, siano coerenti con se stessi, rispettino il diritto allo scuolabus per la bambina e gli obblighi derivanti dall’atto deliberativo sul diritto allo studio. Riattivino il servizio scuolabus prima della seduta consiliare, programmata per giorno 27 ottobre e adempiano al dovere derivante dagli atti comunali”.