Home Attualità LA REGIONE CALABRIA SOSTIENE LA PROMOZIONE DELL’UTILIZZO DEL NUMERO 1522 DA PARTE...

LA REGIONE CALABRIA SOSTIENE LA PROMOZIONE DELL’UTILIZZO DEL NUMERO 1522 DA PARTE DELLE DONNE CHE HANNO SUBITO VIOLENZE

48

La Regione Calabria, su iniziativa del Comitato unico di garanzia, favorisce la diffusione della campagna della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le pari opportunità, volta a promuovere l’utilizzo del numero di emergenza 1522 da parte delle donne che hanno subito violenza.

In linea con le linee guida fornite dal Dipartimento della funzione pubblica e dal Dipartimento per le pari opportunità, e in collaborazione con la Rete nazionale dei Cug, l’Amministrazione regionale ha reso visibile sul sito istituzionale il numero verde 1522, attivo 24 ore su 24, tutti i giorni dell’anno, accessibile gratuitamente da tutto il territorio nazionale, sia da telefoni fissi che mobili.

L’obiettivo della campagna di sensibilizzazione è quello di diffondere informazioni sui numeri e gli strumenti disponibili per contrastare la violenza sulle donne, offrendo un segno tangibile di solidarietà e sostegno istituzionale alle donne vittime di violenza, che devono sentirsi supportate e sicure nel chiedere aiuto e ricevere assistenza.

Questa iniziativa – afferma l’assessore regionale all’organizzazione e alle risorse umane, Filippo Pietropaolo – è volta a recepire e far emergere segnalazioni di violenza contro le donne e rappresenta uno strumento per attuare politiche di genere in materia di diritti delle persone, pari opportunità, riconoscimento, prevenzione e contrasto di ogni forma di discriminazione, molestia e violenza, anche con riferimento al benessere organizzativo e alla tutela della salute e della sicurezza dei dipendenti sul luogo di lavoro”.

“Anche in qualità di assessore alle politiche del personale – specifica infine  Pietropaolo – ho inteso adottare la proposta formulata dal Comitato Unico di Garanzia della Regione Calabria, al fine di attuare azioni positive e condivise, protese a creare una maggiore cultura del “rispetto” di genere”.

Fonte: Regione Calabria