Home Attualità La Calabria rischia di ritornare zona rossa o arancione

La Calabria rischia di ritornare zona rossa o arancione

29

La Calabria rischia di ritornare zona rossa o arancione

Il 15 gennaio prossimo  sarà  probabilmente emanato il  nuovo dpcm . Il governo Conte dovrà fare il punto della situazione epidemiologica e assumerà i provvedimenti normativi  da attuare. Il 15 gennaio scadono gli atti normativi che hanno disciplinato le festività 2020, e  l’ esecutivo dovrà definire ancora una volta regole e misure restrittive che dovranno essere osservate dal  Paese  fino o oltre la primavera.

Il DPCM del 15 gennaio avrà il difficile compito di equilibrare le riaperture le varie istanze, i vari bisogni di carattere sanitario ed economico. Un equilibrio non facile da conseguire, visto le pressioni che provengono dal mondo produttivo. Non si conoscono ancora i dettagli  ma è quasi certo che il 15 gennaio arriverà un DPCM. L’epidemia in Italia,  è ancora “grave” e le restrizioni devono essere mantenute ancora “nel tempo”.

Allo scadere del decreto Natale, valido fino al 6 gennaio, tornerà, comunque,  il regime delle fasce regionali e il governo in base all’andamento del contagio prenderà le decisioni.

La Calabria con l’Rt in crescita potrebbe essere nuovamente dichiarata zona rossa o arancione e quindi sottoposta a maggiori restrizioni. I nodi saranno sciolti  in questi giorni in base ai risultati che verranno fuori dal  Monitoraggio Regionale, dall’analisi che farà la cabina di regia  chiamata a  verificare  i dati epidemiologici sulla base dei 21 parametri.  Dopodichè  il governo assumerà i provvedimenti del caso.

Da  un documento delle Regioni, intanto,   arriva  la richiesta,  al vaglio dell’Iss, di apportare alcuni cambiamenti che potrebbero influire sui 21 indicatori per stabilire l’assegnazione delle zone (gialla, arancione, rossa) nell’ambito del monitoraggio della Cabina di regia.