Home Attualità Il dott. Francesco Amato premiato per l’eccellenza dell’UO Complessa del dolore

Il dott. Francesco Amato premiato per l’eccellenza dell’UO Complessa del dolore

43

Sanità: la Ministra Lorenzin consegna 27 medaglie di bronzo al merito. Tra le benemerenze sanitarie assegnate dal Ministero della Salute durante la cerimonia odierna, figura un sanitario roglianese, il Dott. Francesco Amato, Direttore Unità Operativa Complessa Terapia del Dolore Hub Regionale, presso l’Azienda Ospedaliera di Cosenza. Con il premio attribuito al dott. Amato si riconosce all’Unità Operativa di Cosenza l’eccellenza nelle prestazioni, collocandosi fra le prime dieci del Paese.
Da oltre dieci anni il dott. Amato è promotore di campagne d’informazione per la diffusione della cultura e della conoscenza del dolore, per spiegare alla gente come e dove sia possibile curarsi. Per tali motivi è stato più volte premiato dall’Osservatorio Nazionale Permanente sulla Sicurezza e dal Forum Sanità Futura a Cernobbio. Ha scritto il primo manuale di accreditamento dei Centri di terapia del dolore, dove per l’eccellenza nelle prestazioni, l’unità operativa di Cosenza, risulta fra le prime dieci in Italia.
Quella di oggi – ha sostenuto la Ministra Lorenzin – è per tutti noi una giornata di elevato valore civico, un momento di grande orgoglio, ma anche di speranza, colmo di riconoscenza nei confronti di questi italiani – professionisti della salute, esponenti del mondo Accademico, dei Corpi e delle Forze Armate dello Stato – che svolgono con generosità ed altruismo la propria attività professionale compiendo, sovente, atti di coraggio per proteggere ed aiutare chi soffre o che, con costante lavoro e impegno, consentono il progresso della conoscenza e della scienza medica.
Così la Ministra Lorenzin in occasione della cerimonia di consegna delle Medaglie di Bronzo al Merito della sanità pubblica, che si è tenuta oggi presso l’Auditorium ministeriale di Viale Ribotta.
“La sanità italiana, dunque, è una sanità di eccellenza – ha sostenuto la Ministra – un’eccellenza che si traduce certamente nel lavoro quotidiano di ogni professionista, ma che raggiunge il suo culmine grazie alle azioni di persone che hanno deciso di dedicare una parte del proprio tempo agli altri, di aiutare i più bisognosi, sia in Italia sia in zone del mondo disagiate o devastate da violenti conflitti o da catastrofici eventi naturali. Persone che, per motivi differenti, con i loro comportamenti e le loro azioni concrete, rappresentano alti esempi di dedizione civile e di altruismo”.
Queste le 27 MEDAGLIE di bronzo:
Pietro Pietrini (direttore Scuola Imt Alpi Studi di Lucca); Claudio Alberto Cricelli (presidente della Società italiana di medicina generale nonché medico di medicina generale Azienda Sanitaria di Firenze); Francesco Amato (direttore Uoc Terapia del dolore, Hub regionale Azienda Ospedaliera Cosenza); Giovanni Berardi (già responsabile Uosd Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini); Stefano Bottari (specialista in chirurgia generale, già responsabile del reparto di chirurgia della clinica Casa di cura San Luca); Silvana Bruni (già responsabile dell’ambulatorio pneumologico medico legale day service Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini); Rodolfo Dalla Mora (Disability Manager, Associazione di progettazione e ricerca per l’utenza ampliata); Roberto De Santis (dirigente medico responsabile dell’Uos di Chirurgia del piede Cto di Roma); Giuseppe Evangelista (responsabile Uo Chirurgica generale e d’urgenza Azienda Ospedaliero Universitaria Pisana). Nicola Felici (direttore Uo Chirurgia ricostruttiva degli arti Azienda Ospedaliera San Camillo Forlanini); Renzo Ferrante (Nas Carabinieri di Firenze); Gloria Folliero (dirigente medico di 1° livello Chirurgia d’urgenza Azienda Ospedaliera San Filippo Neri); Antonio Gasbarrini (direttore Uoc Medicina interna e gastroenterologia Fondazione Policlinico Universitario Gemelli di Roma); Donato Rosario Iannuzziello (primario reparto di gastroenterologia della casa di cura Cbh Mater Dei Hospital di Bari); Vittorio Miele (direttore Dipartimento dei servizi dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi di Firenze); Graziano Onder (professore associato Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Università Cattolica del Sacro Cuore di Roma); Francesco Pallotta (primario reparto di Ortopedia Ospedale Giovan Battista Grassi di Ostia); Gianfranco Pisera’ (sottufficiale in servizio permanente reggimento ‘Lancieri di Novara’); Oraldo Ricci (già direttore dell’Uoc Ortopedia e traumatologia presidio ospedaliero Avezzano). Francesco Riva (direttore Uoc Chirurgia odontostomatologica Policlinico Umberto I di Roma e responsabile dell’ambulatorio odontoiatrico Ipo Ospedale George Eastman di Roma); Stanislao Rizzo (direttore Struttura organizzativa dipartimentale di Oculistica dell’Aou Careggi Firenze); Francesco Rocco (professore emerito Università Statale di Milano); Giocondo Santoni (già direttore Stabilimento chimico farmaceutico militare di Firenze); Salvatore Squillaci (ispettore Guardia di Finanza); Pierluigi Tos (direttore Struttura complessa Chirurgia mano e microchirurgia ricostruttiva ‘Istituto Ortopedico Gaetano Pini Milano); Silvano Ungania (dirigente medico di 1° livello Chirurgia generale Giovan Battista Grassi di Roma, Uos Chirurgia d’urgenza); Comando provinciale dei Vigili del fuoco di Campobasso.