Home Attualità Il Comune di Santo Stefano di Rogliano si sbarazza del “Pulmino- scuolabus”.La...

Il Comune di Santo Stefano di Rogliano si sbarazza del “Pulmino- scuolabus”.La capogruppo consiliare di minoranza, Ida Paola Cerenzia: ” i beni pubblici meritano rispetto”

13

Il Comune di Santo Stefano di Rogliano si sbarazza del “Pulmino- scuolabus”, mai utilizzato per gli scopi annunciati in Consiglio. La capogruppo consiliare di minoranza, Ida Paola Cerenzia: ” i beni pubblici meritano rispetto”

” I beni immobili e mobili comunali,  meritano rispetto e vanno trattati con cura e considerazione perchè appartenenti  al bene Comune”. La capogruppo consiliare, Ida Paola Cerenzia  esprime, a nome dell’intero gruppo consiliare di minoranza,  palese dissenso per le scelte adottate dalla giunta comunale di “sbarazzarsi” a tutti i costi,  di un bene  comune, acquisito al patrimonio dell’ente il 2012 con risorse pubbliche da destinare  al servizio scuolabus.
E proprio  sulla vendita  dell’ autoveicolo,  sul modo in cui è stato “trattato” e gestito  il bene ( si tratta di un pulmino di nove posti mai messo su strada) durante questi dieci anni,    la capogruppo consiliare  coglie nei comportamenti e nelle  procedure,  attuate  dall’amministrazione comunale,  una  profonda   disaffezione, una palese indifferenza verso tutto ciò che riguarda  il bene comune.
La rappresentante della minoranza consiliare  esprime un giudizio prettamente negativo verso   l’improvvida strada  seguita dalla giunta comunale   di alienare un bene, ritenuto dagli  stessi amministratori  utile ed  indispensabile per migliorare il servizio erogato in favore degli alunni della scuola dell’obbligo.   I fatti registrati in questi anni, dimostrano come quegli annunci, quelle intenzioni espresse  dagli amministratori locali, siano state clamorosamente vanificate :  l’autoveicolo Renaul Ml 10 da destinare al servizio pubblico, acquisito al patrimonio dell’ente il 2012,   in realtà,  come dimostra la storia,    da subito è stato “confinato”   in un lugubre locale  comunale,  sottratto di fatto  al servizio  scuolabus.  Il pulmino, seppur immatricolato  una decina di anni addietro, non è stato mai messo nelle condizioni oggettive di  garantire il trasporto degli alunni, disattendendo gli indirizzi forniti dagli stessi amministratori locali in Consiglio comunale.
La  capogruppo consiliare, Ida  Paola  Cerenzia,  evidenzia inoltre  come  il consiglio comunale  sia stato tenuto, ancora una volta,  all’oscuro su un fatto che riguarda l’impoverimento del patrimonio mobile dell’ente. Dalla  vendita dell’autoveicolo, avvenuta  per  scelta e volontà della Giunta comunale, presieduta dalla Sindaca Lucia Nicoletti   emerge lo stato di incoerenza  emergente tra la comparazione degli  atti. I fatti registrati  rilevano ancora-  sottolinea la capogruppo, Ida paola Cerenzia-    l’indifferenza ,  la  disaffezione  che la maggioranza consiliare manifesta  nei confronti del bene comune e del patrimonio dell’ ente. La coordinatrice di “Comune in Comune” ha presentato, nella giornata di ieri,  una specifica interrogazione sottoscritta dai consiglieri del gruppo, Mario Salerno e Franco Garofalo,  da discutere nella prossima seduta consiliare. Il gruppo consiliare, in  conformità a quanto stabilito dallo statuto comunale,  ha chiesto al consiglio comunale di discutere e approvare   il Regolamento sull’alienazione dei beni immobili e mobili, elaborato a cura  del  gruppo consiliare di minoranza.