Home Attualità Grimaldi: “evento di alto spessore umano e sociale”

Grimaldi: “evento di alto spessore umano e sociale”

49

Un evento definito da tutti i partecipanti di grande livello culturale, formativo e di alto spessore umano e sociale. La seconda giornata dedicata ai “Percorsi al rispetto alla legalità e dell’altro sé”, promossa dall’IC Mangone-Grimaldi, con la collaborazione del Comune, delle associazioni “Universo Minori” e “Savutolibero, è destinata a lasciare il segno sia sul piano emotivo che sul piano dell’ampliamento delle conoscenze e dei saperi in generale. L’attenzione degli alunni, dei docenti, dei genitori, presenti nella splendida “Sala Madre Teresa di Calcutta” a Grimadi è immediatamente catturata dalla lettura dei brani, affidati alla giovanissima avvocato Giorgia Calabrò, accompagnata alla chitarra dal maestro Raffaele Colombo. Le note musicali sono programmate per seguire anche la splendida voce del soprano Ginevra Grossi, che per l’occasione sceglie brani densi di significato.
L’evento, decorato subito con suoni e ritmi sapientemente scelti dal gruppo dei giovani percussionisti, diretti dal maestro Tarcisio Molinaro, è preceduto dai saluti porti ai presenti dal primo cittadino di Grimaldi, avv. Calo Ferraro e dal Presidente dell’Istituto Comprensivo, dr Luca Alice. Sarà la dirigente scolastica, prof.ssa Mariella Chiappetta, ad introdurre i lavori del secondo appuntamento riservato ai “Percorsi sul rispetto dell’altro sé”, indugiando sul significato culturale ed etico assegnato agli eventi all’uopo promossi dalla scuola, con la collaborazione delle associazioni operanti al servizio delle comunità. Gli interventi si susseguono secondo il calendario stabilito dagli organizzatori: inizia il Presidente dell’associazione “Universo Minori”, dott.ssa Rita Tulelli che, come annunciato, consegna alla dirigente scolastica, a nome dell’associazione rappresentata, un defibrillatore semiautomatico con i relativi kit pediatrici ed una valigetta semirigida da trasporto. La dott.ssa Tulelli ha offerto altresì la collaborazione a sostenere il Corso di formazione utile per il corretto utilizzo dello strumento salvavita. Un sentito applauso sancisce il ringraziamento della comunità al generoso gesto fornito dall’Associazione Universo Minori alla scuola del territorio.
Seguono gli interventi degli avvocati Sabrina Rondinella e Claudia Conidi.
“Piantare i semi del cambiamento nel sentimento delle giovani generazioni” esordisce Adriana Musella, Presidente di “Riferimenti- Coordinamento nazionale antimafia Gerbera Gialla”. La “passionaria che racconta e non tace”- come è stata definita da più parti – racconta la sua storia e il significato attribuito alla “gerbera gialla”; si sofferma sui beni confiscati alla ‘ndrangheta e sull’importanza che assume l’istituzione dell’Università antimafia di Limbadi, sorta appunto sui beni confiscati alla mafia.
Gli interventi si intervallano e, nel rispetto della prevenzione sociale, si inseriscono gli aspetti anche sull’ educazione sanitaria, su cui si sofferma il dott. Carmine Carpino, cardiologo dirigente medico dell’A.O. di Cosenza e dell’ing. informatico Vincenzo Aloi, dell’associazione Universo Minori che, avvalendosi di un manichino, effettua una dimostrazione dell’utilizzo del defibrillatore.
Di particolare interesse sociale e umano si configura la relazione svolta dal dott. Giuseppe Carrà, direttore della casa di reclusione di Rossano Calabro che “imprigiona” subito l’interesse degli alunni ponendo la domanda: “cosa immaginate vi siano dietro quelle sbarre di ferro”. Parla di prevenzione ma soprattutto di recupero, di inserimento guardando all’uomo e alle sue potenzialità.
L’evento, di ampia portata sociale e culturale si conclude con l’atteso intervento del dott. Giuseppe Greco, Giudice del tribunale di Cosenza: “la giustizia, ha detto, deve essere al servizio della vita”.
I lavori sono stati coordinati dal prof. Francesco Garofalo.