Home Attualità Grimaldi, l’opposizione interroga il Sindaco sull’ipotesi di realizzare sul territorio un...

Grimaldi, l’opposizione interroga il Sindaco sull’ipotesi di realizzare sul territorio un impianto per “il deposito e il stoccaggio dei rifiuti della provincia di Cosenza

36

 

L’opposizione  consiliare, venuta a conoscenza  che in seno ad una riunione  dell’ATO di Cosenza, il Sindaco del paese avrebbe chiesto di effettuare una verifica circa l’esistenza delle condizioni per impiantare  un sito per il deposito e lo stoccaggio dei rifiuti della Provincia di Cosenza, ha prontamente  interrogato il Sindaco  per conoscere se corrisponda al vero la circostanza  secondo cui “egli stesso abbia dato la disponibilità a realizzare nel territorio grimaldese un sito per la realizzazione dell’opera. Il gruppo consiliare di minoranza, rappresentato dai consiglieri della ” Stretta di Mano”, attraverso l’interrogazione  a risposta scritta, chiedono  altresì, in caso  di conferma  del fatto, che gli atti già adottati ed i dettagli del progetto,   vengano resi noti a tutti i cittadini.

Il tutto – denunciano i consiglieri comunali d’opposizione- sarebbe avvenuto senza  il coinvolgimento del civico consesso  e senza il coinvolgimento della comunità locale che ha il diritto di essere informata  su un fatto così importante per la vita sociale e ambientale del Comune.

Tali decisioni- continua la nota degli interroganti consiglieri comunali-  che possono avere qualche effetto positivo per le finanze comunali, ma anche moltissimi altri negativi, non possono e non devono essere prese in assoluta autonomia ovvero tra pochi intimi.

Il gruppo consiliare- coordinato da Pino Albo, già sindaco del Comune per diverse legislature –   rammenta l’importante ruolo che il consiglio comunale è chiamato a svolgere in materia, fornendo indirizzi e svolgendo funzioni di controllo. ” Oramai sappiamo bene che la convocazione dell’assise comunale- scrivono i consiglieri della Stretta di mano” nell’interrogazione-  comporta un’orticaria diffusa e costante, ma non possiamo rinunciare a far valere il diritto nostro e dell’intera cittadinanza di conoscere dettagliatamente una questione di tale rilevanza.