Home Attualità “Giornata Mondiale della Prematurità”, dedicata ai bambini che nascono prima del termine....

“Giornata Mondiale della Prematurità”, dedicata ai bambini che nascono prima del termine. Ogni anno in Italia circa 35 mila bambini nascono prematuramente

47

Giovedì 17 novembre 2022, si celebra la Giornata mondiale della prematurità. La nascita, come si sa,  non è uguale per tutti.  Non lo è per  il  6.9% dei bambini che nascono prima del termine.  Ogni anno sono circa  35.000,  quasi il 6,9% del totale di chi viene alla luce sul nostro territorio nazionale che nasce prematuramente.   Non lo è neanche per i 15 milioni nel mondo, 1 su 10, secondo l’Organizzazione mondiale della sanità. Non lo è insomma per chi viene al mondo prima della 37ª settimana di gestazione, a volte molto prima, anche dopo solo sei mesi di gravidanza. Di questi  35.000 bambini, 1 su 100 viene alla luce  prima della trentaduesima settimana di gestazione. Questi ultimi sono i “grandi Prematuri” che, non avendo ancora maturato del tutto organi e apparati, non sono ancora pronti ad adattarsi alla vita  esterna dal grembo materno e di conseguenza   hanno bisogno di  cure intensive.  Nei Paesi, definiti  più avanzati,  la prevenzione della nascita pretermine costituisce un obiettivo di salute prioritario. L’obiettivo di questa Giornata è  sensibilizzare l’opinione pubblica sui rischi che una nascita prematura comporta, informare sulle strategie di prevenzione e promuovere la ricerca scientifica sull’identificazione delle cause insieme a una cultura attenta al bambino e alle famiglie. Il tema della Giornata Mondiale 2022 sarà “L’abbraccio di un genitore: una terapia potente. Sostenere il contatto pelle a pelle fin dal momento della nascita. La ricorrenza vuole ricordare l’importanza del legame tra genitori e bambini e promuovere la presenza dei familiari nelle TIN. I neonati prematuri hanno bisogno di stare con i propri genitori , per gli innumerevoli benefici che comporta questa vicinanza, esattamente come viene garantito in molte  Centro Neonatologici  presenti su tutto il territorio nazionale.