Home Attualità Giornata della Montagna. Montagne Calabresi: Riflessioni e Azioni per la Conservazione del...

Giornata della Montagna. Montagne Calabresi: Riflessioni e Azioni per la Conservazione del Patrimonio Naturale e del Benessere Collettivo

110

L’odierna ricorrenza si pone l’ambizioso obiettivo di accrescere la consapevolezza sullo sviluppo sostenibile delle regioni montane, focalizzandosi in particolare sull’importanza delle montagne per la salute ecologica del mondo e il benessere di miliardi di persone. Quest’anno, più che mai, meriterebbe una profonda riflessione e attenzione, considerando i recenti disastri, con la tragedia delle Marmolada dello scorso luglio che ha causato undici vittime, a sollecitare azioni immediate da parte delle istituzioni e delle comunità per proteggere e preservare il territorio. Dichiarata dalle Nazioni Unite nel 2002, questa giornata invita ogni cittadino a ponderare sull’importanza fondamentale di questi ecosistemi montani, che custodiscono biodiversità, paesaggi e risorse vitali per la Terra. Occupando il 25% della superficie mondiale e ospitando il 12% della popolazione, le montagne svolgono un ruolo di serbatoi idrici, fornendo acqua per usi domestici, energia e una vasta gamma di prodotti essenziali per l’ecosistema.

Nonostante la loro vitale importanza, le montagne sono costantemente minacciate da fenomeni quali la deforestazione, l’abbandono, le attività estrattive e un turismo spesso aggressivo e mal gestito. Questi impatti globali si accentuano ulteriormente a causa dei cambiamenti climatici, manifestandosi con lo scioglimento dei ghiacciai, smottamenti, valanghe e la modifica della composizione vegetale di alcuni habitat. La montagna calabrese, con la sua aria pulita, affascinanti paesaggi e colori magici, rappresenta oggi un immenso patrimonio su cui investire risorse e talento, per ottenere non solo maggiore prosperità economica, ma soprattutto un benessere fisico e psichico.

Le bellezze della Montagna calabrese, un tempo difese e custodite dalla popolazione locale, sono state soggette a continui attacchi gestionali. Lo spopolamento e l’abbandono dei piccoli centri nelle aree interne e montane hanno reso il territorio vulnerabile. Oggi, l’età avanzata della popolazione residente e la mancanza di nascite contribuiscono a una situazione critica, con una quota significativa della popolazione italiana che vive in queste zone.

La Montagna rimane l’elemento dominante della regione, vissuta in modo più o meno denso a seconda dei periodi storici e delle altitudini. La montagna calabrese, unica nel suo genere, si estende fino al mare, offrendo benefici e mitigando parte degli impatti negativi della società moderna sull’ambiente.

Sono necessarie assunzioni di responsabilità da parte delle comunità, delle associazioni e delle istituzioni locali per generare idee, elaborare strategie e progetti che valorizzino la Montagna come habitat naturale e produttore di benessere fisico e psichico. La creazione di nuove opportunità di reddito, la rivisitazione dell’economia tradizionale e la valorizzazione dei prodotti locali possono rendere la montagna calabrese un motore di sviluppo per il turismo rurale e artistico.

La cura del paesaggio non è solo compito delle istituzioni; il senso di appartenenza, la consapevolezza delle bellezze naturali ereditate e la promozione dei valori locali devono costituire la coscienza collettiva. Ognuno è chiamato a sostenere e tutelare il territorio montano come patrimonio culturale globale, specialmente in Calabria, dove la montagna offre paesaggi, aria salubre e profumi che rappresentano un antidoto alla frenesia quotidiana e alle angosce causate dalla pandemia da Covid-19.

È importante ricordare che nella Sila, a Zagarise (CZ), è stata individuata l’aria più pulita d’Europa, forse addirittura del mondo, rappresentando un antidoto prezioso in un periodo difficile come quello attuale. In questo contesto, riflettiamo sul valore che la giornata odierna offre al pianeta e a tutti noi, promuovendo azioni concrete per aiutare la montagna a coltivare il nostro benessere.