Home Attualità Fidapa 25 novembre, protagonisti gli studenti

Fidapa 25 novembre, protagonisti gli studenti

51

Rogliano – La scuola al centro della partecipata manifestazione voluta dalla Fidapa sezione Valle del Savuto, guidata dalla Presidente Ida Paola Cerenzia.
Sono stati proprio loro, gli studenti dell’ ’IC Carolei/Dipignano, dell’IC Mangone/Grimaldi, dell’IC di Rogliano e dell’I.I.
S. di Rogliano, i veri protagonisti della Giornata Internazionale contro la violenza sulle Donne che attraverso cortometraggi, scene teatrali, racconti, riferimenti storici, culturali e attuali hanno raccontato la condizione sociale ed umana della donna . Studentesse e studenti hanno costruito messaggi culturali di grande consistenza umana contro qualsiasi fenomeno di violenza perpetrato nei confronti della donna. Sono state ricordate le vittime che nel tempo passato e recente hanno subito violenze, maltrattamenti di ogni genere e di inaudite crudeltà umane. Hanno ricordato soprattutto il forte coraggio e le nuove prese di coscienze manifestate dalle donne attraverso le denunce e le lotte per l’emancipazione.
Nelle riflessioni sceniche, preparate dagli studenti, alla ferma condanna ad ogni tipo di violenza di genere è stato accostato il messaggio di speranza che fonda le sue radici nei processi culturali all’interno dei quali la diversità, assunta e accomodata nelle coscienze, rappresenterà- è stato ribadito più volte- la grandezza valoriale da tutelare e difendere per costruire un società migliore.
La conoscenza, la formazione saranno i veri antidoti contro il femminicidio e qualsiasi forma di violenza esercitata in maniera sistematica sulle donne allo scopo di perpetuare la subordinazione di genere e di annientare l’identità . E in questo percorso la scuola avrà il compito di svolgere un ruolo di primo piano nei territori dove opera e lavora per promuovere la cultura del rispetto, della tolleranza e della diversità.
La manifestazione , tenuta presso l’Auditorium dell’Istituto “ A. Guarasci” di Rogliano, luogo di eccellenza formativa, collocato al primo posto della graduatoria dei licei calabresi dalla Fondazione Agnelli, si è svolta all’insegna del motto “Io sono Mia”, nome del film dedicato alla grande artista, Mia Martina, detta Mimì, vittima di maldicenze, di esclusione e violenza psicologiche.
La giornata, densa di aspetti emozionali è stata cadenzata da vari interventi affidati ad esperti , rappresentanti delle varie associazioni culturali e istituzionali, ad esponenti del mondo della conoscenza, da docenti e studenti i dell’IC Carolei/Dipignano, dell’IC Mangone Grimaldi , dell’IC Rogliano e dell’I.I.S. di Rogliano. La nostra battaglia-è stata ribadita da più parti- non si limita a questa iniziativa. “intendiamo Scongiurare che le donne siano sottoposte a violenze. Vogliamo educare al rispetto della persona e dei diritti delle donne, contrastare gli stereotipi di genere che sono alla base di una visione errata di donne e uomini nella società”. Il programma, stilato per la ricorrenza, è stato concretizzato in tutte le sue parti. Ai saluti iniziali porti dalla Presidente della sezione Fidapa del savuto, Ida Paola Cerenzia , sono seguiti gli interventi di Roberto Maletta, Presidente Rotary di Rogliano, di Giovanni Altomare, Sindaco di Rogliano, di Fiorangela D’Ippolito, D.S.I.C. di Carolei/Dipignano, di Mariella Chiappetta, D.S.I.C. di Mangone/Grimaldi e di Aldo Trecroci D.S.I.C. di Rogliano.

I lavori sono stati introdotti da Alba Carbone, madrina Fondatrice e hanno coordinato i lavori Franca Bartucci, socia FIdapa e Danila Rizzuto socia Fidapa.
Sono seguiti gli interventi a cura di: Cinzia Falcone- Presidente Animed, di Sabrina Garofalo, Centro Wormen s Studies “ Milly Villa” Università della Calabria.
L’Auditorium del l’IIS di Rogliano “Guarasci” ha ospitato le note musicali delle orchestre degli alunni delle scuole, coordinate dai maestri e insegnanti di strumenti musicali . Secondo il programma stilato per l’occasione sul palco si è sviluppata la rappresentazione di danza, costruita per l’importanze avvenimento, a cura dell’A.S.D.