Home Attualità Evitare la mormorazione che corrompe e uccide una comunità. Andare sempre alla...

Evitare la mormorazione che corrompe e uccide una comunità. Andare sempre alla ricerca della verità, della sua fonte e delle sue cause

21

Papa Francesco più volte ha affrontato i pericoli che derivano dal “chiacchiericcio”, “definito arma letale” . Più volte ha invitato ad evitare la mormorazione perchè non c’è niente di peggio per la Chiesa. Niente di più velenoso e distruttivo. Il santo Padre  durante l’Angelus di domenica scorsa è ritornato sull’argomento ma in un precedente  incontro aveva anche fornito il farmaco per combattere  e  vincere il chiacchiericcio, anche se  non è facile e qualcuno mi domanda ‘Ma come si può fare?’.  C’è una medicina molto buona- aveva detto- : morditi la lingua. Ti farà bene”. Papa Francesco ha pronunciato questa frase durante l’incontro con una   rappresentanza della Famiglia Orionina nel 150esima anniversario della nascita di San Luigi Orione e i partecipanti al Capitolo Generale dei Figli della Divina Provvidenza. Papa Francesco aveva  ribadito  il no al “chiacchiericcio”, tarlo-  che corrompe e uccide una comunità religiosa, proponendo   “una ‘medicina’”, appunto,  per vincerlo.  Il chiacchiericcio aveva aggiunto “è un tarlo che uccide vita comunità”

Tough frowning grumpy senior woman biting her tongue and is about to tell something

“È importante –  aveva detto  il pontefice a braccio – curare la qualità della vita comunitaria, le relazioni, la preghiera comune: questo è già apostolato, perché è testimonianza. Se tra noi c’è freddezza, o, peggio, giudizi e pettegolezzi, che apostolato vogliamo fare? Per favore, niente chiacchiericcio. Il chiacchiericcio è un tarlo che corrompe, che uccide la vita di una comunità, di un ordine religioso. Niente chiacchiericcio. So che non è facile”.  Ieri il santo Padre è tornato sul tema ad evidenziare come esso sia un fenomeno da non sottovalutare per le comunità intere.

Il santo  Padre ha  prescritto anche il “farmaco” per prevenire, combattere e sconfiggere il chiacchiericcio”: morditi la lingua” . Sarà certamente una buon metodo per coloro che sono dediti al pettegolezzo- aggiungiamo Noi- anche se chi è abituato  a produrre odio incontrerà grosse difficoltà a praticare il metodo indicato da Papa Francesco. Noi da operatori dell’informazione possiamo  aggiungere  un altro metodo per sconfiggere la mormorazione: l’interlocutore abbia sempre presente che l’antidoto contro il pettegolezzo delle male lingue sarà quello di andare sempre a verificare la fonte della notizia, della verità fattuale, dell’ascolto dell’altro, diventato oggetto di maldicenza e di malignità. Chi vuole spendersi per migliorare la propria comunità, sia testimone di buone relazioni, scenda nella vita reale e  dia il proprio contributo nella promozione del confronto democratico,  non avversi la trasparenza, non oscuri l’obiettivo delle telecamere, non abbia paura della verità, perchè essa è un’arma che nel tempo supera la diceria, si fa strada e chi pratica il mormorio come arma politica per combattere e ombrare  l’avversario sarà  vittima della luce della verità storica (FG)