Home Attualità Domenica 26 settembre 2021: Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. ...

Domenica 26 settembre 2021: Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Ricorrenze e cenni storici di oggi

38

E’  il 269º giorno del calendario gregoriano. Mancano 95 giorni alla fine dell’anno.

Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato.  L’argomento  scelto da papa Francesco per questa giornata è “Verso un noi sempre più grande”.

Ricorre oggi: la Chiesa cattolica celebra la memoria dei santi Cosma e Damiano, di san Nilo e di santa Teresa Couderc; la Religione romana celebra il Natale di Venere Genitrice nel Foro di Cesare.

Feste e ricorrenze. Nazionali Unione europea – Giornata europea delle lingue

Avvenne oggi

  • 1580 – Sir Francis Drake circumnaviga il globo.

  • 1687 – Il Partenone di Atene viene parzialmente distrutto da un’esplosione causata dal bombardamento condotto dalle forze Veneziane guidate da Francesco Morosini, che stavano assediando i Turchi ottomani.

  • 1960 – A Chicago si svolge il primo dibattito tra candidati alla presidenza USA (Richard Nixon e John F. Kennedy) trasmesso per televisione.

  • 1969 – L’album dei Beatles, Abbey Road viene pubblicato nel Regno Unito.

  • 1980 – Una bomba fatta esplodere vicino all’ingresso dell’Oktoberfest di Monaco di Baviera dal neonazista Gundolf Köhler uccide 13 visitatori e ne ferisce altri 200.

  • 1986 – Primo numero di Dylan Dog: Una giovane vedova che vede comparire il marito con l’aspetto di uno zombie si rivolge disperata all’investigatore Dylan Dog, che inizia le indagini accompagnato da Groucho, inseparabile assistente dalla battuta fulminante.

  • 1997 – Terremoto in Umbria e Marche: Alle 2,33 e alle 11,42 due forti scosse rispettivamente di magnitudo 5.8 e 6.1 della scala Richter, con epicentro a Foligno, colpirono diverse zone dell’Umbria e delle Marche..

  • 2002 – Il Joola, un traghetto senegalese sovraccarico affonda nell’oceano al largo della costa del Gambia; più di 950 morti.

  • 2006 – Il Vaticano scomunica l’arcivescovo Mons. Emmanuel Milingo insieme ai quattro vescovi da lui ordinati, in quanto sposati