Home Attualità Cos’è l’onesta, come si insegna e dove si apprende. ( di...

Cos’è l’onesta, come si insegna e dove si apprende. ( di Francesco Garofalo- sociologo)

43

Questa riflessione nasce in risposta al dilagare di fenomeni che evidenziano un decadimento morale, nel quale il valore dell’onestà viene meno di fronte alla diffusione di comportamenti che non rispettano i principi etici fondamentali di verità, equità e integrità. Esiste, infatti,  uno stretto collegamento tra il decadimento morale e la disonestà, che si manifesta nella diminuzione dei valori etici nella  comunità. Questo fenomeno può essere causato da una varietà di fattori, come la mancanza di rispetto per gli altri, l’egoismo, la corruzione e la disonestà stessa.

Quando una comunità possiede un alto livello di onestà e integrità, si creano norme e valori positivi che incoraggiano comportamenti etici e giusti. Al contrario, quando la disonestà e la corruzione sono accettate o addirittura promosse, la  comunità  può iniziare a decadere moralmente e perdere la sua capacità di mantenere i valori etici e morali. In sintesi, l’onestà è un pilastro fondamentale per la costruzione di una società eticamente sana, e la mancanza di onestà può portare al decadimento morale. Questa riflessione ci induce a porci la domanda: “Cos’è l’onestà?

 L’onestà è un valore che fa parte della sfera personale e si riferisce alla sincerità e all’integrità nell’interazione con gli altri. Come tutti i valori, viene interiorizzato attraverso i processi di socializzazione e manifestato attraverso azioni quotidiane. Essere onesti significa quindi comportarsi con sincerità e relazionarsi con il mondo circostante in modo giusto, coerente con i propri valori e principi, evitando di mentire o di nascondere la verità. Rubare, esempio,  è considerato un fatto disonesto perché implica prendere ciò che non ci appartiene. Ciò viola i principi dell’equità, della giustizia e del rispetto della proprietà altrui. Il  furto può causare, inoltre,  danni emotivi e finanziari al proprietario e potrebbe anche avere conseguenze legali per il ladro. In ogni società, ci sono norme e leggi che vietano il furto, poiché il rispetto della proprietà altrui è un valore fondamentale per mantenere l’ordine e il benessere della comunità. Pertanto, rubare è considerato un atto disonesto e immorale.

Come si insegna l’onestà? L’insegnamento dell’onestà inizia fin dalla prima infanzia attraverso esempi, gesti, spiegazioni ed incentivi positivi. Gli educatori e gli adulti di riferimento devono produrre comportamenti coerenti e trasparenti al cospetto dei giovani, partendo dal principio che l’onestà è un valore importante della vita. In tal senso, è rilevante premiare e incoraggiare i bambini quando sono sinceri, riconoscendo la loro bravura nel dire la verità anche quando è difficile, scomodo e a volte anche pericoloso.

Cosa significa essere onesti? È importante spiegare ai bambini cosa significa essere onesti e come ci si sente quando si dice la verità o si viene scoperti a mentire. È altrettanto importante far comprendere ai bambini che le loro azioni hanno conseguenze, e che la verità può essere la base per la risoluzione di problemi e conflitti. In questo senso, è essenziale promuovere la responsabilità individuale e la costruzione dell’autostima, poiché un buon senso di sé e l’autostima aiutano i bambini a sentirsi sicuri, senza il bisogno di nascondere la verità.

L’insegnamento dell’onestà richiede costanza, pazienza e coerenza da parte degli adulti di riferimento, ma può portare grandi benefici nella costruzione di relazioni sane e rispettose. In sintesi, educare alla sincerità e all’onestà significa promuovere una cultura del rispetto e della fiducia reciproca, favorendo la crescita di individui consapevoli e responsabili.

 Il suo cambiamento dipende da vari fattori come la motivazione, la volontà di cambiare e la disponibilità a prendere azioni concrete per migliorarsi. La persona che ha vissuto e continua a vivere nell’inganno e nella disonestà, deve riconoscere, innanzitutto, il proprio comportamento disonesto e capire perché lo sta facendo. Al riguardo potrebbe essere di aiuto un professionista, come un terapeuta, per comprendere le cause sottostanti del comportamento disonesto e come poterlo affrontare. Il soggetto che agisce da disonesto deve essere motivato a cambiare e il cambiamento richiede sforzo e dedizione. La persona deve essere disposta a fare il lavoro necessario per diventare onesta, iniziando a smettere di mentire o ingannare gli altri, o potrebbe essere necessario riparare i danni causati dalle azioni disoneste. Insomma, diventare onesti per chi si porta dietro un vissuto di disonestà, richiede tempo, impegno e perseveranza. In questo senso possono svolgere un ruolo incisivo i gruppi o il gruppo di frequentazione, promuovendo e agendo nel rispetto della trasparenza, della legalità e della verità, “sanzionando” i comportamenti e i gesti che non si annoverano nell’alveo dei valori dell’onestà.”

 A questo punto sorge la domanda: si nasce onesti o si diventa tali? La questione dell’onestà è complessa e dipende da molti fattori. Ritengo comunque che l’onestà sia in gran parte una questione di apprendimento e di esperienza socializzante. Le influenze esterne, come l’educazione, la cultura, la religione, l’ambiente sociale e le esperienze di vita, possono influenzare la tendenza a essere onesti. Possiamo sostenere, infine, che l’onestà è una combinazione di fattori che interessano l’ambiente e, in primo luogo, l’apprendimento. Anche se alcune persone possono essere più predisposte a essere oneste rispetto ad altre, la maggior parte delle persone può sviluppare un forte senso dell’integrità e della verità attraverso l’educazione, l’esperienza e la pratica.Il valore dell’onestà è universalmente riconosciuto in tutte le culture e società del mondo? Essere onesti significa non mentire, non ingannare, non rubare e non tradire la fiducia degli altri. Questo valore è considerato fondamentale per il mantenimento di relazioni sane e di fiducia tra le persone, così come per la costruzione di una società giusta e rispettosa delle leggi. Inoltre, l’onestà è un valore che viene trasmesso dalle famiglie, dalle scuole e dalle comunità ed è ritenuto un aspetto importante dell’educazione morale e civica. Pertanto, il valore dell’onestà è universale e viene riconosciuto come un comportamento positivo in tutte le culture e società del mondo. In tal senso, può essere definito un valore universale.