Home Attualità Campidoglio, ANPCI festeggia i suoi primi vent’anni

Campidoglio, ANPCI festeggia i suoi primi vent’anni

45

Le lancette dell’orologio indicano le  14, ora stabilita per l’inizio dell’accreditamento dei partecipanti alla ventesima Assemblea Nazionale  dell’ANPCI e già all’ingresso della magica sala Giulio Cesare del Campidoglio a Roma  si   registra  la   lunga fila, formata  da  centinaia di Sindaci e amministratori,   per ottemperare agli adempimenti richiesti. I primi cittadini che si apprestano a varcare la soglia della sala Giulio  Cesare  provengono da ogni piccolo borgo del Paese, portandosi dietro le rispettive identità locali e la fascia tricolore che indosseranno  all’inizio della cerimonia  sulle  note dell’inno d’Italia.

I primi a varcare la porta d’ingresso  del Campidoglio  saranno  gli storici fondatori dell’Associazione, che nel 1999 diedero  voce  originale  e autorevole  alle istanze e ai bisogni dei piccoli Comuni d’Italia fino ad allora poco ascoltati e privi di una vera efficiente organizzazione associativa.

Su questi aspetti si soffermeranno quasi tutti gli interventi che si succederanno nel pomeriggio, sia da parte dei Sindaci che dai numerosi rappresentanti istituzionali, politici e militari  che hanno accolto favorevolmente e “simpatia” l’invito rivolto loro dalla Presidente Franca Biglio e dagli organismi direttivi.

“Di Anpci ci si può innamorare”, esordisce con commozione la   stimatissima Presidente Franca Biglio, che sente l’Associazione come una “ vera e propria creatura”, sviluppata lungo l’intero stivale grazie al duro lavoro svolto da miglia di sindaci e amministratori che con grande senso del dovere e spirito di servizio si pongono come sentinelle dei  propri territori e delle proprie piccole comunità.  Avere un cuore ANPCI-  ha proseguito la Presidente Franca Biglio–  significa saper nuotare in acque agitate, avere coraggio di dire cose che altri tacciono sapendo di pagare a volte un prezzo alto. La Presidente ringrazia tutti per il sentito contributo  offerto alla nascita e all’affermazione dell’associazione,  quanti hanno creduto e condividono gli ideali e le fervide battaglie intraprese con un unico e solo obiettivo: raggiungere il bene Comune, difendere la storia, le identità dei nostri borghi con serietà e determinatezza.

L’intervento appassiona e riscalda emotivamente  la platea, che interrompe la sua Presidente tributandole calorosi applausi in segno di condivisione e apprezzamento per la linea condotta e per il servizio svolto in questi venti anni a tutela, difesa e valorizzazione dei contesti socio culturali dei piccoli Comuni.

Tra un applauso e l’altro, la Presidente ripercorre le tappe più salienti che hanno caratterizzato la vita dell’associazione, soffermandosi sulle conquiste ottenute come la legge sui  piccoli Comuni alla cui stesura l’associazione ha contribuito oppure come le  battaglie portate avanti sulla rappresentatività, sulla libertà amministrativa e contabile, sui tagli, sulla libertà organizzativa e sul rispetto delle autonomie locali.

Il resto è storia di oggi,  fondata su un grande lavoro di squadra per superare le grane che ogni giorno i Sindaci e gli amministratori locali sono chiamati a far fronte con le poche risorse loro a  disposizione.

L’inizio di lavori è stato riservato agli interventi delle numerose rappresentanze istituzionali. Molte le attestazioni di amicizia e di stima pervenute e  comunicate   all’assemblea.

Tutti gli intervenuti hanno ribadito il ruolo determinante che svolgono i piccoli Comuni per la crescita socio culturale ed economica dell’Italia.

I lavori sono stati coordinati dal sen. Marco Perosino e da  Francesco Cerisano, editorialista di Italia Oggi. ( Francesco Garofalo)