Home Attualità Calabria, candidature per la Presidenza della Regione tra annunci ...

Calabria, candidature per la Presidenza della Regione tra annunci ufficiosi, ufficiali e attese di conferme.

34

La candidatura di  Roberto Occhiuto attende di essere ufficializzata dagli organi di partito e della coalizione del centro destra.  Il fatto che tale designazione  fatica ad essere formalmente  decretata   presta il fianco  a   strumentalizzazioni che  si sarebbero potute evitare se fossero stati preventivamente sciolti alcuni nodi all’interno della coalizione del centro destra, chiamata a sostenere la candidatura del capogruppo forzista   alla camera dei deputati.

Annunciata dallo stesso   in occasione di una pubblica manifestazione tenuta a Vibo Valentia, la candidatura a presidente della regione Calabria, stenta ad essere formalizzata dai vertici di forza Italia,  forza politica alla quale il  centro destra, nell’ambito degli accordi nazionali assunti,  avrebbe  ricevuto l’incombenza di procedere all’ investitura.

I ritardi che si stanno verificando   sarebbero da attribuire  ad una serie di circostanze  che in politica conservano un valore non indifferente, vale a dire il nodo delle rappresentanze e nella distribuzione del potere in caso di  affermazione della coalizone del  centro destra.

La lega in primo luogo rivendicherebbe l’assegnazione della vicepresidenza, peraltro,  riconosciuta e confermata  nell’attuale governo regionale da parte della maggioranza uscita dalle urne, alla persona Nino Spirlì. Nelle  veste di presidente facente funzioni il Presidente Spirlì  ha retto, coadiuvato dalle esperienze degli assessori,  le sorti del governo regionale,  superando prove difficili avanzate da vecchie e nuove emergenze socio sanitarie.

La sua riconferma sembra, comunque, scontata anche se , come insegnano i “giochi della politica” tutto è possibile che si verifichi fino al momento della presentazione delle candidature. L’assegnazione dei ruoli politici e governativi agli esponenti dei vari partiti, movimenti, correnti in proporzione al peso elettorale è sempre stato problematico tant’è che fu inventato il famoso manuale cencelli al quale attingere per ottenere suggerimenti su come raggiungere un equilibrio nella suddivisione della rappresentanza interna.  Sovente l’espressione viene utilizzata per fare ironia sulla spartizione del potere ma alla luce degli avvenimenti sembra che lo spirito riemerga  sempre al momento   dell’individuazione dell’assegnazione delle deleghe e del potere in ogni sua manifestazione.

Ma se all’interno del centro destra permangono ancora delle difficoltà, superabili a breve scadenza,  nell’ambito del centro sinistra il lavoro per addivenire ad un accordo unitario è ancora ai primordi.

Quando tutto sembrava determinato e definito grazie alla candidatura alla presidenza del giovane Nicola irto (PD), accolta con serenità da parte della base del partito,  giunge un fulmine a squarciare l’agognato equilibrio raggiunto. Le  diatribe interne e l’ipotesi di un accordo PD cinque stelle mina la candidatura del giovane consigliere regionale PD alla presidenza tanto da indurre lo stesso esponente a gettare la spugna, annunciando alla stampa il suo  ritiro.

Punto e daccapo. Si inizia una riga nuova e le difficoltà si accavallano nel centro sinistra nel  tracciare un nuovo solco su cui seminare il seme dell’ unità di intenti.

Si dovrebbe andare verso l’individuazione di  un candidato civico, dal profilo alto  da contrapporre a quello della coalizione del centro destra, individuato appunto nella  persona dell’attuale capo gruppo di FI  alla Camera dei deputati.

Non sembra vivere una vita facile la candidatura, da tempo annunciata, dell’attuale Sindaco di Napoli ed ex magistrato, Luigi de Magistris  alla guida della regione Calabria.

L’accordo raggiunto con Carlo  Tanzi non sembra si sia consolidato in questo periodo. Tutt’altro.  Dai  comportamenti politici assunti  sembra che ciascuno vada per la propria strada, alimentando tensioni e incomprensioni che evidenziano lo stato di malessere che permane all’interno della vita degli organismi politici e delle istituzioni.

Le prossime ore saranno decisive per comprendere chi  saranno i candidati  a scendere in campo per disputare  questa nuova competizione  elettorale regionale e su quali basi si fonderanno gli accordi ed i programmi elettorali verso i quali non sembra che si stia  lavorando con particolare attenzione e dedizione.

I programmi possono attendere.  Non c’è fretta.