Home Attualità Borsa di Studio “Emma Spina”. Commossa e nutrita partecipazione

Borsa di Studio “Emma Spina”. Commossa e nutrita partecipazione

50

“Valutava prima se stessa e poi gli alunni”. “Ha sempre tenuto perché i suoi alunni arrivassero a livelli altissimi”. “Prima della chimica esisteva il rispetto”. Sono frammenti delle testimonianze espresse da alcuni studenti che si sono succeduti al microfono per testimoniare la grandezza morale e professionale della professoressa Emma Spina, alla quale è stata dedicata l’odierna mattinata, riservata alla Prima edizione della Borsa di Studio in Sua memoria,istituita dalla famiglia. La manifestazione, promossa anche con la collaborazione dell’istituzione scolastica e delle amministrazioni comunali di Aprigliano e Rogliano si è svolta, alla presenza di un folto pubblico, presso l’Auditorium dell’Istituto “Marconi- Guarasci”, scuola alla quale la professoressa Emma Spina, scomparsa circa due anni addietro, ha dedicato gran parte della sua attività professionale. Prima di ricordare la figura e l’opera dell’insigne docente, si è proceduto alla scopertura della targa allocata all’entrata del laboratorio scientifico “Biolando” intitolato, così, alla Sua memoria. Il taglio del nastro è stato preceduto dal saluto del prof. Sergio Vizza, in rappresentanza della Dirigente scolastica Mariarosa De Rosa, il quale ha illustrato il valore etico e culturale legato alla giornata odierna.
Alunni, genitori, docenti, amministratori locali, dirigenti scolastici, insieme ai familiari ed ai numerosi convenuti si sono spostati successivamente nell’Auditorium, dove ha avuto luogo la cerimonia di consegna della borsa di studio. I lavori, coordinati da Sabrina Garofalo che ha puntualizzato, tra l’altro, l’importanza del ricordo che diventa memoria, hanno riservato momenti di grande commozione grazie alle testimonianze di chi ha voluto lasciare un ricordo, un pensiero, un omaggio ad una grande donna e una grande professionista. Le amministrazioni di Rogliano e Aprigliano erano rappresentate rispettivamente dall’assessore Antonio Simarco e dal sindaco Piergiorgio Le Pera, i quali hanno sottolineato il ruolo fondamentale svolto sul territorio dalla professoressa Spina in ambito formativo ed educativo. Densi di ricordi personali sono stati gli interventi dei dirigenti scolastici che hanno accompagnato il percorso scolastico della scomparsa docente, ovvero la prof.ssa Ermenegilda de Caro ed il prof. Giulio Guarascio. Entrambi, con aneddoti legati ai tanti anni trascorsi insieme, ne hanno esaltato il valore e l’alta statura morale che l’hanno sempre contraddistinta. La manifestazione ha registrato la presenza di moltissimi alunni ed ex alunni che l’hanno avuta come docente e che hanno voluto testimoniare, con la loro presenza ed i loro interventi, il profondo legame e il forte senso di gratitudine per gli insegnamenti ricevuti. Si sono succeduti al microfono Eugenio Garofalo, Chiara Fuoco, Serena Amato, Andrea Spina, Alessandro Renzelli, Carlo Poselle. La borsa di studio,in base agli indicatori proposti nel bando di accesso e valutati da un’apposita commissione, è stata assegnata a Federico Sicilia, il quale ha espresso il suo ringraziamento ed il suo commosso ricordo. La sintesi della manifestazione è stata tratta da Emiliano Spina, in rappresentanza della famiglia, che ha dedicato un sentito ringraziamento a quanti hanno partecipato alla Prima Edizione della borsa di studio Emma Spina, dimostrando un profondo affetto e la grande stima testimoniata nei confronti di sua zia, la professoressa Emma Spina. Nel ringraziare tutti ha dato appuntamento al prossimo anno per la seconda edizione della borsa di studio. La manifestazione, arricchita dal contributo al pianoforte del Maestro Lorenza Colucci, si è conclusa con lo scambio di targhe ricordo da parte dell’amministrazione comunale di Rogliano, dell’istituto Marconi- Guarasci e della famiglia Spina.