Home Attualità Sensibilizzazione e Prevenzione: 29 ottobre, Giornata Mondiale dell’Ictus.

Sensibilizzazione e Prevenzione: 29 ottobre, Giornata Mondiale dell’Ictus.

105

Il 29 ottobre, si celebra la Giornata mondiale dell’ictus, una grave malattia cerebrovascolare acuta che può derivare da un improvviso blocco (causato da un coagulo sanguigno o un embolo, noto come ictus ischemico) o dalla rottura di un vaso sanguigno (chiamato ictus emorragico) che fornisce sangue al cervello. La Giornata del 2023 ha l’obiettivo di sensibilizzare la popolazione sull’importanza della prevenzione di questa grave malattia cerebrale. Si stima che circa il 90% degli ictus potrebbe essere prevenuto agendo sui principali fattori di rischio modificabili. La mortalità associata all’ictus è del 20-30% nei primi 30 giorni dall’evento e aumenta al 40-50% entro un anno. Inoltre, il 75% dei sopravvissuti all’ictus sviluppa disabilità, con la metà di essi che perde l’autosufficienza.L’incidenza e la prevalenza dell’ictus aumentano con l’età, soprattutto dopo i 55 anni, con un notevole aumento dopo i 65 anni.L’ictus costituisce una significativa sfida per la salute pubblica a causa della sua diffusione nella popolazione e delle gravi conseguenze per i pazienti.I dati epidemiologici mostrano che la mortalità legata all’ictus è del 20-30% entro 30 giorni dall’evento e del 40-50% entro un anno, con un aumento significativo con l’età, in particolare dopo i 55 anni. A livello globale, nel 2019 l’ictus è stato responsabile di 6,55 milioni di decessi, rendendolo la seconda causa di morte dopo la cardiopatia ischemica. L’ictus ha avuto un’incidenza di 12,2 milioni di casi e una prevalenza di 101 milioni di casi. L’ictus ischemico è la forma più comune e ha causato 3,29 milioni di decessi, con un’incidenza di 7,63 milioni di casi e una prevalenza di 77,2 milioni di casi. Seguono l’emorragia intracerebrale, l’emorragia subaracnoidea e altre forme di ictus. In Europa, l’ictus è identificato come la seconda causa di morte, con 405.000 decessi negli uomini e 583.000 nelle donne. In Italia, nel 2020 sono stati registrati 76.890 ricoveri per acuti legati all’ictus e 57.631 decessi da malattie cerebrovascolari, rappresentando il 7,7% di tutti i decessi avvenuti nel Paese.

Grazie all’efficacia crescente delle misure preventive, terapeutiche e di assistenza, nonché all’espansione dei Centri Ictus su tutto il territorio, si è assistito a una riduzione progressiva dell’incidenza e della mortalità legate alle malattie cerebrovascolari.

In caso di sintomi riconducibili all’ictus, è fondamentale agire tempestivamente. L’ictus è una condizione “tempo-dipendente,” e interventi tempestivi possono preservare il cervello. Se si verificano sintomi come difficoltà motorie, deficit sensoriali, problemi di linguaggio, disturbi visivi, perdita di coordinazione o improvviso mal di testa, è essenziale chiamare immediatamente il numero di emergenza 112/118 per il trasporto in un Pronto Soccorso con un’Unità Ictus specializzata (Stroke Unit).Tra i fattori di rischio modificabili associati all’ictus ci sono il tabagismo, la mancanza di attività fisica, una dieta malsana, il sovrappeso, l’ipertensione, le dislipidemie, il diabete, la fibrillazione atriale, le cardiopatie, le vasculopatie e altri fattori. La prevenzione si basa sull’adozione di uno stile di vita sano, l’identificazione precoce e la gestione dei fattori di rischio e il coinvolgimento di un piano nazionale di prevenzione.

Le preziose informazioni fornite in questo articolo sono state ricavate da fonti  del Ministero della Salute,  impegnato attivamente nella promozione della prevenzione dell’ictus e nella lotta alle malattie cardio-cerebrovascolari. La Giornata Mondiale dell’Ictus del 2023 rappresenta un’opportunità fondamentale per diffondere consapevolezza e conoscenza su questa importante questione di salute pubblica. È un momento in cui professionisti, associazioni, e istituzioni collaborano per mettere in primo piano la prevenzione come arma essenziale nella battaglia contro l’ictus e le sue conseguenze.”

Per ulteriori approfondimenti consultare: https://www.salute.gov.it/portale/news/p3_2_1_1_1.jsp?lingua=italiano&menu=notizie&p=dalministero&id=6375#:~:text=Notizie%20dal%20Ministero%20%3E,Day%20%2D%20Giornata%20mondiale%20dell’Ictus