Home Attualità 16 giugno 2023: si celebra la “Giornata mondiale delle tartarughe marine”....

16 giugno 2023: si celebra la “Giornata mondiale delle tartarughe marine”. Calabria e Sicilia restano tra i luoghi più amati dalla Caretta Caretta

25

La vita delle  tartarughe marine è una costante lotta per la sopravvivenza. Questa lotta inizia  dal momento esatto in cui mettono fuori il muso dal guscio  dell’uovo:  la percentuale di nascituri destinata a raggiungere l’età adulta è di circa una su mille.  da subito, non appena le piccole tartarughe escono dai nidi e  si dirigono  verso l’acqua, ascoltando un muto richiamo ancestrale, dovranno affrontare una miriade di insidie  e minacce. Per raggiungere il mare devono evitare un gran numero di predatori, come gabbiani, granchi e persino coccodrilli. Raggiunta l’età adulta, in teoria dovrebbero In teoria una volta raggiunta l’età adulta dovrebbero essere  più protetti dall’espugnabile  carapace e in grado di nuotare a velocità superiori ai 35 chilometri orari. Il mare è però pieno di pericoli di natura antropica contro i quali le tartarughe, nonostante la considerevole esperienza di 150 milioni di anni, non sono attrezzate. I rifiuti di plastica scambiati per meduse e inghiottiti, reti da pesca e sostanze inquinanti,  le imbarcazioni e l’ habitat reso difficile, rendono la vita di questi rettili difficile. Le tartarughe sono, peraltro,  molto sensibili ai cambiamenti climatici e  all’inquinamento prodotto dall’uomo, introdotti dall’uomo. Sono   particolarmente vulnerabili, anche a causa della loro lenta capacità di riproduzione che viene raggiunta solo dopo molti anni di vita  Il 16 giugno si celebra, quindi,  la Giornata mondiale delle tartarughe marine, il Turtle day, istituita proprio  per sottolineare la necessità di proteggere queste magnifiche creature. La data scelta è un omaggio al professor Archie Carr, nato appunto il 16 giugno 1909, grande studioso di tartarughe.  La Giornata è stata istituita nel 1990  e  si pone l’obiettivo di sensibilizzare al rispetto e alla tutela di questo rettile, uno dei più antichi del mondo, fortemente minacciato dalle attività dell’uomo.