Home Attualità 16 aprile 1971,il presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, firma il decreto...

16 aprile 1971,il presidente della Repubblica, Giuseppe Saragat, firma il decreto che istituisce la prima, Università Statale della, Calabria.

40

Correva l’anno 1971 e proprio, ieri come oggi, 16 aprile, il presidente della Repubblica di allora, Giuseppe Saragat, firmava il decreto che istituiva l’Università degli Studi della Calabria.Un evento di i portata, storica
che sancì alla nostra Regione , ai calabresi il diritto di fruire in loco di percorsi di studio qualificati senza prevalicare i confini regionali. La firma del Presidente Saragat giungeva dopo quella del Consiglio dei Ministri, presieduto dall’on. Emilio Colombo. Il 28 aprile 1971il Ministro della Pubblica Istruzione, il cosentino on. Riccardo Misasi, democristiano, nominò con relativi atti ministeriali, il Comitato Tecnico Amministrativo e i Comitati Ordinatori delle quattro Facoltà: Ingegneria, Scienze Economiche e Sociali, Scienze Matematiche Fisiche e Naturali, Lettere e Filosofia.

L’Università degli Studi della Calabria nasce, dopo un interessante confronto di proposte, sulle colline del territorio di Rende, sacrificando la proposta che la collocava a Piano Lago. É l’inizio di una nuova era culturale, un inizio di un processo che eleverà le coscienze democratiche, diffonderà nuove conoscenze, nuovi saperi, moderne professionalità utili non solo per la Calabria ma per tutte le realtà socio produttive de Paese.
All’Università si affiancarono successivamente altri Atenei, ampliando la ricerca ed i vari campi disciplinari, offrendo a tutti l’opportunità di migliorare le proprie condizioni. In questa sede desidero ricordare e omaggiare quanti contribuirono alla nascita dell’Unical, i rappresentati delle istituzioni, da Tonino Guarasci a Riccardo Misasi, da Giacomo Mancini a Francesco Principe e tanti altri politici e uomini di cultura che hanno sempre creduto e lottato per l’emancipazione delle coscienze collettive. Al movimento studentesco , che con cortei e manifestazioni rivendicavano il diritto ad avere una propria università statale in Calabria. Sono ancora vive le voci che venivano scandite dal corteo lungo la città Bruzia: ateneo, ateneo, ateneo.. Un coro di voci , di desideri che da lí a poco tempo si concretizzarono. Fiero di essere stato una di quelle voci che a distanza di qualche anno  ha conseguito  la laurea in Scienze Economiche e Sociali, proprio con una tesi di laurea su una figura di primo piano della politica e delle istituzioni  che contribuiscono a far nascere il primo Ateneo calabrese.
In questa, sede desidero ricordare le figure di primo piano che si annoverano tra i
fondatori dell’università , dal grande Beniamino Andreatta, a Giorgio Gagliani, Pietro Bucci e Paolo Sylos Labini. A Beniamino Andreatta, il 15 gennaio 2009, fu intitolata l’aula magna.